cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Bollicine Carsoline

Sono una decina i viticultori che in Carso producono bollcine, secondo i dati dell'articolo apparso oggi su Il Piccolo e forniti dal perito agrario Stefano Rosati dell'associazione agricoltori (Kmecka Zveza). Ci sono Edi Zobec che producce bollicine con un uvaggio lasciato a fermentare sui lieviti per oltre sei mesi; Daniele Odoni a Longera che si segnala per una Vitovska pura zero dosaggio (40 giorni in autoclave); Paolo Pernarcich a Medeazza che ha creato il Meduit brut (40% Malvasia e 60% Vitovska). Sandi Skerk, scrive l'autrice dell'articolo Benedetta Moro, da sei anni sta sperimentando attraverso diversi metodi di rifermentazione  sempre in maniera naturale, la Glera dei suoi vitigni, sottolineando che questo non è altro che un ritorno alla tradizione. Rado Kocijancic da dicembre metterà in commercio 500 bottiglie (due terzi Vitovska e un terzo Malvasia) rifementate in bottiglia e sui lieviti, nessuna filtrazione. La Baita propone da un anno il Terrano spumantizzato, vinificato in bianco.

Crediti photo: il Piccolo.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni