cibo, vino e quantobasta per essere felici

Assoenologi FVG previsioni vendemmia 2017

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

foto Claudio Fabbrofoto Claudio Fabbro

Oltre 200 fra enologi, agronomi, viticoltori e rappresentanti di istituzioni, organizzazioni professionali, associazioni e consorzi DOC del Friuli Venezia Giulia si sono ritrovati giovedi 24 agosto 2017 alla Tenuta Ca' Vescovo di Terzo d’Aquileia per il tradizionale incontro tecnico per gli addetti ai lavori al fine di analizzare i momenti più significativi della campagna viticola 2017 e programmare al meglio le operazioni vendemmiali e di cantina. Dopo i saluti da parte del direttore dell’azienda ospitante, Marco Rabino, e del presidente di Assoenologi FVG, Rodolfo Rizzi, si sono susseguite relazioni su argomenti specifici e diversificati. Il meteorologo Marco Virgilio ha approfondito la situazione frutto di un bizzarro andamento climatico, che ha preoccupato non poco gli agricoltori e non solo. Gli agronomi Paolo Sivilotti, Gabriele Marchi e Giovanni Bigot hanno sviscerato le diverse problematiche fra i filari, sia fitosanitarie che
conseguenti a gelate, grandinate e nubifragi vari. Il direttore dell’ ICQRF (Istituto Controllo Qualità e Repressione Frodi) Gianluca Fregolent ha riassunto le normative che dovranno essere osservate in vendemmia e in fase di vinificazione. Il saluto del Consorzio DOC Triveneto è stato portato dal presidente Albino Armani, le conclusioni sono state tratte dall’assessore regionale all’agricoltura Cristiano Shaurli, soddisfatto per i risultati conseguiti nell’ultimo biennio con il consolidamento del Consorzio DOC FVG (qui rappresentato dal suo presidente Pietro Biscontin), l’istituzione del Consorzio interregionale e relativo riconoscimento del Pinot grigio DOC delle Venezie e della positiva ricaduta generale dovuta alla nuova DOC Friuli. Dopo il dibattito è seguita una degustazione guidata di prodotti tipici territoriali "AQuA" con il direttore generale ERSA FVG Paolo Stefanelli, abbinati con i vini premiati alla 56^ Selezione Aquileia & Riviera Friulana. Per saperne di più leggi https://www.qbquantobasta.it/nonsolovino/6246-ecco-i-premiati-della-56esima-selezione-di-aquileia-e-riviera-friulana
Dalle relazioni è emerso, tra l’altro, che la quantità di vino prevista per il 2017 dovrebbe essere inferiore del 15% rispetto alla vendemmia 2016 (1.856.000 hl. dati ISTAT), portandosi pertanto a 1.577.000 hl.
Superati grazie alla professionalità dei viticoltori e all’intervento dei tecnici, i difficili eventi calamitosi (gelata del 21 aprile, grandinate nel Collio Cormonese del 6 agosto, nubifragi e trombe d’aria dalla Bassa friulana-pordenonese al Tarcentino del 10 agosto) dall’11 agosto in poi giornate soleggiate e ventilate, con marcata escursione termica, hanno creato i presupposti per un raccolto di uve perfette, da cui deriveranno vini ricchi di profumi e aromi, con ottima alcolicità naturale . Come dire: se da gennaio ad agosto operare in campagna è stato un tormento, dopo i travasi di novembre il palato dei consumatori potrà
godere l’eccellenza organolettica di grandi vini!

Salva


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.