cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Visita qbista alla Tenuta Conte Romano

Un'altra visita in cantina per i wine lovers qbisti coordinati dagli instancabili Luis Walter Bortolotto e Fabiana Romanutti, direttore del mensile Qbquantobasta. Nella tiepida e azzurra mattinata invernale -  il cielo è limpidissimo, grazie alla forte bora dei giorni precedenti - di sabato 23 febbraio eravamo  nel Manzanese e precisamente alla Tenuta Conti Romano, ospiti di Pietro e Augusto Romano. 

Ad accogliere il gruppo, il padrone di casa, Pietro Romano che, con Fabiana Romanutti saluta e ringrazia gli intervenuti: ci sono sempre i fedelissimi e ogni volta anche nuovi partecipanti: è sempre un piacere rivedersi e/o conoscersi.


Si parte. Il gruppo, accompagnato da Augusto, si muove a piedi in direzione dei vigneti e inizia per noi una vera e propria - inaspettata - lezione di agronomia e poi di enologia. Augusto parla della filosofia dell'azienda che punta a valorizzare il territorio, coltivato quasi esclusivamente a vitigni autoctoni quali Friulano, Sauvignon e Malvasia.

Il terreno argilloso dove cresce il SauvignonIl terreno argilloso dove cresce il Sauvignon

In tre diversi appezzamenti che hanno diversa composizione di terreno: roccia sgretolata e sottile da marna eocenica, argillosa e ponca (marna e arenaria), ma tutti situati nei 10 ettari di proprietà attorno alla sede della tenuta.


Durante la passeggiata tra le vigne di Sauvignon, nella zona più a valle, scopriamo un laghetto, formatosi da una risorgiva d'acqua che ha creato un microclima a sè stante con una temperatura minore di 2 gradi centigradi rispetto al resto del vigneto.


Si sale. La zona collinare offre un panorama mozzafiato tra vigne e ulivi; qua e là quale fiori di crocus già sbocciati. Ed è proprio qui che Augusto ci parla dei vari sistemi di allevamento della vigna e ci propone una minilezione di potatura dei tralci con la conta delle nuove gemme che andranno a produrre altrettanti grappoli d'uva.


In cima alla collina il vigneto storico di Malvasia (da viti di circa 75 anni e forse più) e da qui l'orizzonte diventa infinito e il panorama straordinario.

Lungo il sentiero, impronte di caprioli e qualche traccia più grossa e pesante di qualche cinghiale.

E' ora di scendere e tornare all'agriturismo per la degustazione dei vini.

Quattro i vini in degustazione:

FRIULANO 2017, colore giallo paglierino, al naso intensa nota minerale, poi note fruttate e floreali di fiori bianchi; in bocca è intenso, con buona mineralità e sapidità.

 

SAUVIGNON Villa al Lago, 2015, colore giallo paglierino con riflessi dorati, al naso grande complessità di sentori, foglia di pomodoro, peperone, frutti gialli, pompelmo, nota minerale; in bocca è equilibrato, persistente, si ritrova la nota minerale, un vino molto piacevole.

 MALVASIA 2017, unico vino dell'azienda a fare la malolattica, colore giallo dorato, brillante, al naso sentore di burro, floreale, mela ed erbe aromatiche: in bocca è elegante e di buona struttura.

ROSSO 2016, uvaggio di Merlot al 75% e Cabernet Sauvignon al 25%, proveniente da uve coltivate in un'altra vallata. Colore rosso rubino, al naso sentori di frutti rossi, more e ribes, una leggera speziatura; in bocca è delicato ed elegante.

 

Da sx: conte Pietro Romano, Luis Walter Bortolotto, Anto Nella Lauri, conte Augusto Romano

Foto di Luis Walter Bortolotto (ovviamente quelle siglate) e qualcuna anche mia...

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni