cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Fedagripesca FVG tutela della ribolla

Riceviamo e volentieri pubblichiamo. Fedagripesca FVG: tutela della Ribolla, lavoriamo per l’ultimo miglio. Attendiamo di leggere l’ultima bozza del disciplinare per accelerare sulla tutela dell’autoctono, dice Francescutti. 

«A tutt’oggi, purtroppo, non ci risulta essere stato ancora condiviso alcun accordo sulla tutela della Ribolla gialla. Ovviamente, sarebbe positivo ogni passo avanti su un tema che sta molto a cuore alle cantine cooperative che, da sole, veicolano oltre il 40 per cento del vino regionale, Ribolla compresa. Tuttavia, l’ultimo incontro, sulla questione della tutela della Ribolla alla quale ha partecipato la cooperazione, si è svolto a inizio novembre e, in tale occasione, permanevano evidenti distanze tra le parti su alcuni nodi fondamentali. Da quel giorno, non siamo più stati informati di nulla e non ci è stata recapitata alcuna bozza di disciplinare condiviso». Sono le parole del presidente di Fedagripesca Fvg, Venanzio Francescutti. «Agli incontri con gli altri protagonisti della filiera abbiamo sempre portato, in maniera costruttiva, il nostro punto di vista ma, a oggi, ci pare che ancora sulle questioni fondamentali non ci sia una quadra unitaria. A partire dal nome della barbatella, ancora da individuare e da far approvare dal Comitato nazionale della vite e del vino (tra l’altro, se è uno dei due sinonimi del vitigno attualmente registrati, la strada può essere in discesa ed è ciò che auspichiamo. Se, invece, la filiera vorrà un nuovo nome, la questione della tutela si allungherà di parecchi mesi, tenendo conto che il Comitato si riunisce poche volte all’anno e la seduta di gennaio non è più utile). Per proseguire, inoltre, sul tema delle rese, che ha un ruolo fondamentale nel bilancio economico della coltivazione dei vitigni: e la Ribolla non sfugge a questa regola vitale per le aziende. Siamo sempre stati convinti che l’autoctono, sotto i riflettori da molti mesi, abbia bisogno urgente di tutela e valorizzazione. Siamo dispiaciuti che il 2018 si sia chiuso con un nulla di fatto e siamo pronti a giungere a un accordo in tempo utile per la vendemmia 2019, discutendo quanto prima l’annunciata bozza finale del disciplinare. Una volta giunti a questo passaggio condiviso e approvato dalla filiera – rassicura Francescutti – non mancheranno le firme della cooperazione».

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni