cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Incroci Manzoni concorso nazionale

Conegliano. Manzoni 50 anniversary, nei suoi Incroci tutta la modernità della ricerca. Celebre per aver creato i vini che portano il suo nome, Luigi Manzoni è stato pioniere della ricerca genetica in ambito enologico. In suo nome il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali ha autorizzato un concorso nazionale: prima edizione e oltre 80 campioni in lizza da tutto il Veneto e da altre 4 regioni d’Italia (Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Lombardia e Lazio). Sabato 24 novembre 2018 la città che lo ha visto Sindaco (1946-49) ne ricorda la poliedrica figura, con tanti eventi aperti alla cittadinanza e agli addetti ai lavori. Professore di Scienze Naturali e Patologia vegetale, Preside della Scuola Enologica (attuale Istituto Statale di Istruzione Secondaria Superiore “G.B. Cerletti” di Conegliano), primo Sindaco di Conegliano dopo la nascita della Repubblica, dal 1946 al 1949. Manzoni è stato ricercatore per 50 anni dando vita a esiti oggi ancora attualissimi, come le misure sperimentali dei consumi d'acqua delle piante in rapporto alle esigenze per le irrigazioni.  "Il frutto delle sue ricerche è diventato patrimonio della nazione attraverso la ricerca che ha portato e prodotto quei vitigni oggi conosciuti con il suo nome - spiega il presidente nazionale delle città del vino, Floriano Zambon, membro del Comitato d'onore delle celebrazioni - sulle sue orme si sta proseguendo quel percorso di rafforzamento delle piante di vite in modo da renderne la coltivazione sostenibile di fronte all'insidia delle diverse patologie".

La Scuola enologica di Conegliano (la più antica d'Italia, fondata nel 1876), in collaborazione con il CREA-VE (centro di ricerca ministeriale sulla vite ed il vino), ha creato un evento speciale in suo ricordo "Manzoni 50 Anniversary" che si terrà sabato 24 novembre nel campus enologico di Conegliano per ricordare e dare merito al suo impegno civile, alla continua e appassionata dedizione allo studio della vite e della ricerca scientifica.
Il suo nome è rimasto impresso proprio nelle attività filo genetiche, che lo hanno ascritto a inventore, padre e produttore di nuove pregevoli varietà vitivinicole, dando vita a vitigni autoctoni italiani che portano il suo nome.
A partire dalle 14 di sabato 24 novembre si terranno le visite guidate gratuite al “Museo Luigi Manzoni” e ai Vigneti Manzoni, degustazione degli Incroci Manzoni all’Enoteca Veneta. Le visite saranno animate dagli studenti e dai docenti della Scuola Enologica. Partiranno scaglionate alle ore 14.00-15.00-16.00-17.00-18.00 Gruppi massimo di 15 persone. Prenotazioni: ufficio IAT di Conegliano tel. 0438 21230 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  All'interno del campus enologico di Conegliano è presente la collazione completa dei vitigni incroci Manzoni con una superficie vitata di 12 ettari. I vigneti esistenti sono cloni naturali ricreati attraverso i gemmari dei vigneti che ex ellievi, negli anni ’90, hanno recuperato da aziende con cui il professor Manzoni aveva collaborato.
Tra i più noti incroci: 6.0.13 (Riesling x Pinot bianco), 2.15 (Glera x Cabernet-sauvignon), 13.0.25 (Raboso Piave x Moscato d’Amburgo) e 1.50 e 2.30 (Trebbiano x Traminer). Il 6.0.13 è senza dubbio il più coltivato, dà vini bianchi molto fini con un buon potenziale d’invecchiamento.
A partire dalle ore 14.30 alle ore 19.30 presso l'Enoteca Veneta sarà possibile effettuare la degustazione guidata delle migliori produzioni nazionali che hanno partecipato al Concorso Enologico e che quindi avranno superato gli 80 centesimi di votazione. Gli spazi saranno gestiti direttamente dalle Aziende produttrici o dagli studenti della Scuola Enologica. In tutte le attività vi sarà la collaborazione dei sommeliers Ais e Fisar. La partecipazione è libera e gratuita.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni