cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Report degustazione qbista da Skok

 

I winelovers di qbquantobasta sono sempre in movimento. E' l’Azienda Skok di Giasbana a San Floriano del Collio, nel cuore del Collio goriziano, a ospitarci questa volta. La famiglia Skok è presente, in questa località di confine, da quasi sei secoli, erano coltivatori mezzadri.

L’azienda vitivinicola nasce, sul finire degli anni ‘60 del secolo sorso con i fratelli Giuseppe e Armando e dal 1991 passa, col cambio generazionale, ai figli Edi e Orietta. E’ la “spumeggiante” Orietta ad accogliere il gruppo di winelovers, assieme al nipote Nikolaj quasi teenager, mentre il fratello Edi è ancora in vigna. 

Dalla terrazza, realizzata nel 2014, che ricopre la nuova cantina sottostante si gode una vista straordinaria sui loro vigneti, ricchi di nuovi germogli che, in questo periodo, crescono a vista d’occhio. Orietta ci indica dove inizia la Slovenia: solo alcuni arbusti demarcano la linea di confine. Qui, a differenza di altre zone, nel periodo del dopo guerra, durante la realizzazione dei confini, i contadini di notte, spostavano i “cippi” per far rientrare le loro proprietà... 

Un’azienda bianchista, Skok, in linea con il territorio del Collio. Produce uve da cinque vitigni, 4 a bacca bianca e uno rosso, per sette etichette: Friulano (Zabura), Chardonnay, Pinot Grigio, Sauvignon blanc, Bianco Pear (blend di Pinot Grigio,Chardonnay, quest’ultimo una parte surmaturo con passaggio in legno), Merlot e la sua riserva Villa Jasbinae.

Il Zabura, dal nome catastale del vigneto risalente al periodo austroungarico, è il vino pluripremiato dell’azienda.  Un  grazie di cuore alla famiglia Skok per l’ospitalità e la simpatia, da loro troverete sempre un calice di vino offerto con il sorriso… anzi con il cuore!

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni