cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Avanguardie Rurali 2018 ne parliamo con Claudio Bertosso

A Latisana c'è un'associazione culturale fondata nel 2011 da alcuni amici con l'obiettivo primario di divulgare la conoscenza del vino. Si chiama  Fermenti Vino in movimento.  Da qualche anno l'associazione organizza un interessante evento enogastronomico:  “Avanguardie Rurali”,  dove si trovano produzioni di nicchia e vini di piccoli produttori che in Francia rientrebbero per lo più nella categoria dei vins du garage.  L'appuntamento 2018 è fissato per il 29 aprile dalle 10 alle 18 e per il secondo anno è patrocinato dalla Pro Loco di Ronchis, in una delle più belle ville friulane del '700 che è villa Kechler a Fraforeano di Ronchis.  Abbiamo incontrato il Presidente dell'Associazione, Claudio Bertosso per conoscere meglio l'associazione e le caratteristiche dell'evento. 
Perché la nascita di Fermenti Vino In Movimento?
Fermenti è nata dalla necessità mia e degli altri soci fondatori di far conoscere il vino, avendo tra i vari obiettivi, anche quello di divulgare il concetto di bere meno e bere meglio, oltre a quello di fare beneficenza con i ricavi che vengono dalle piccole quote associative (€15 all’anno) e dai vari eventi che facciamo.
Oltre a organizzare  Avanguardie Rurali, di che cosa si occupa l’Associaizione?
Principalmente organizziamo corsi di avvicinamento al vino (corsi tenuti da specialisti del settore, che sono anche soci fondatori) che si articolano in 5-6 serate in cui si parte dalla conoscenza del territorio e si arriva all’analisi sensoriale del vino nel bicchiere, passando attraverso la vite, il vitigno, il vigneto e l’uva. Al termine di ogni serata vi è la parte “pratica” tanto attesa, che è la degustazione di alcuni vini. Inoltre, con i soci, visitiamo cantine di produttori “artigiani”, facciamo qualche cena a tema, facciamo degustazioni. Comunque ogni occasione è buona per portare qualche euro nelle casse dell’Associazione da destinare in beneficenza. Quest’anno il nostro impegno è destinato a “Una Mano per Vivere” un’Associazione di Volontariato del territorio, che si dedica agli ammalati.


Che cosa ci sarà ad Avanguardie Rurali 2018? 
Ci saranno numerosi produttori di vino accomunati dal fatto di essere piccoli artigiani, dalle piccole o piccolissime produzione i cosidetti “Vigneron du Garage”, come vengono definiti in Francia. Alcuni sono extraregionali e stranieri. Oltre ai produttori di vino saranno presenti piccoli produttori di miele, olio, formaggi e farine. Quest’anno, insieme a queste piccole realtà, saranno presenti due grosse realtà Istituzionali con i lori prodotti, quali le cooperative sociali “Il Mosaico” con le farine di Muzzana e l’Istituto Agrario Linussio di Pozzuolo con i suoi prodotti.
Che cosa si augura?
Che sia una bella giornata di festa per quelli che veranno a trovarci e che, a fine serata, vi sia un bell’incasso da devolvere ad “Una Mano per Vivere”. Il contributo di ingresso è di soli 15 euro e solo per gli adulti.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni