cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Potenzialità dell’affinamento del refosco

Contemporaneamente alla manifestazione Refuscus Mundi a Isola d'Istria si sono svolte quattro degustazioni guidate nella biblioteca di palazzo Manzioli. Noi di qb siamo andati a curiosare e abbiamo partecipato all’incontro a tenuto dalle aziende friulane Livio Felluga, Ronc dai Luchis e Valentino Butussi. “Potremmo definirla una provocazione – spiega Filippo Felluga – per dimostrare che anche il refosco ha ottime potenzialità di invecchiamento”. Le caratteristiche principali che questo vitigno dona al vino sono:colore rosso rubino intenso e vivace, sentori di frutta rossa matura e confettura, un sorso dotato di particolare freschezza. Il primo vino in degustazione è un refosco di Faedis dell’azienda Ronc dai Luchis annata 2011. Colore rosso rubino con leggeri riflessi ancora violacei, al naso si percepisce una vena dolce conferita da un leggero appassimento del 5% dell’uva sui graticci, seguono sentori di frutta matura, pepe nero e viola; il sorso inizialmente morbido è sorretto da un tannino potente e da una freschezza ancora percettibile. Proseguiamo con un refosco dal peduncolo rosso dell’azienda Valentino Butussi annata 2008 “Annata fresca, tipicamente friulana” – specifica Filippo Butussi - il refosco non ama le annate troppo calde, che lo rendono “marmellatoso” e piacione. I migliori sono quelli più “snelli” che nel medio/lungo periodo danno le più grandi soddisfazioni”. Si conclude con il refosco di Livio Felluga millesimo 1999. Un vino integro, di ottima struttura e dal colore ancora intenso. Le note di frutta matura lasciano spazio a sentori più evoluti di spezie, china e grafite. Superba la prova d’assaggio che manifesta espressione di longevità e di equilibrio; segue una vivace quanto progressiva freschezza. Ottima chiusura leggermente sapida abbinata a un tannino sottile e ben inserito.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni