cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Passaggio ad Angoris

"Seguire la modernità senza stravolgere la storia" questo il filo conduttore che unisce tutti i passaggi vitivinicoli dell'azienda Angoris, come ha sottolineato Marta Locatelli, presentando in anteprima ai clienti arrivati dall'Italia e dall'estero (la presentazione ufficiale avverrà al Vinitaly) la novità della produzione vitivinicola aziendale: un Pinot Nero DOC Friuli Isonzo dedicato ad Albertina «Anche in questo caso c’è un  richiamo alla nostra storia – spiega la titolare di Angoris- con un ritorno al Pinot Nero degli anni ’70 e al nome della mia nonna paterna con un vino elegante e avvolgente com'era lei.»

Sintesi del programma di salvaguardia ambientale 

La Tenuta di Angoris ha iniziato molto tempo fa un percorso volto al rispetto dell’ambiente e delle risorse naturali. In una parola: alla sostenibilità.
Da vent’anni infatti, perseguendo l’obiettivo di migliorare costantemente il risparmio energetico, molti degli investimenti aziendali sono stati dedicati al potenziamento di attrezzature destinate a una gestione più sostenibile del vigneto e della cantina. - 1997: è stato possibile ridurre al massimo il consumo di acqua per la pulizia della cantina grazie all’utilizzo di un pozzo aziendale autorizzato e controllato periodicamente dall’A.r.p.a. (Agenzia regionale per la protezione dell’ambiente) e di un depuratore; - 2001: è iniziato un attento progetto di riforestazione che ha portato ad avere oggi all’interno dell’azienda circa 35 ettari di boschi composti da varie specie;  - 2010: acquisto per il lavoro sui vigneti di macchine irroratrici a recupero di prodotto, che consentono la quasi totale eliminazione degli sprechi; - 2013: è stato posizionato sul tetto della cantina un impianto fotovoltaico di 1800 m² da 200 kw che evita di immettere nell'atmosfera ogni anno diverse centinaia di tonnellate di anidride carbonica.

 

Nel 2014 con lo scopo di ottenere prodotti agricoli mediante una modalità a basso impatto ambientale, distinguibili mediante il marchio di cui all’art.8 del DM 4890/2014 (APE), l'azienda ha aderito  aderito a: 1) Produzione Integrata: un sistema di produzione agroalimentare che utilizza tutti i mezzi produttivi e di difesa delle produzioni agricole dalle avversità, volti a ridurre al minimo l'uso delle sostanze chimiche di sintesi e a razionalizzare la fertilizzazione, nel rispetto dei principi ecologici, economici e tossicologici (legge 4 del 3 febbraio 2011); 2) S.Q.N.P.I.: Sistema di Qualità Nazionale Produzione Integrata  - 2015: utilizzo di impianti di filtrazione per il vino di ultima generazione che consentono la totale eliminazione dei sottoprodotti inquinanti (farine fossili, strati filtranti ecc..); - 2015, 2016 e 2017: assegnazione del Premio Ecofriendly, istituito da Verallia.  - 2016: utilizzo di macchine all’avanguardia per l’eliminazione meccanica delle erbe e delle piante infestanti sul sottofila dei vigneti, eliminando completamente l’utilizzo del diserbo chimico; - 2017: abbiamo ottenuto la conformità agroclimatica ambientale in merito all’adesione all’S.Q.N.P.I. per l’anno 2016.

“Passaggio ad Angoris” è il nuovo appuntamento del calendario degli eventi che la Tenuta di Angoris organizza durante l’anno per fare consocere ai clienti e alla stampa. con la presenza dell'enologo Alessandro Dal Zovo,  la storia e la filosofia di produzione aziendale. 

 

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni