Flash News!

Gorgonzola & Cocktail

IMAGE

Da giovedì 1 a sabato 3 febbraio 2018 7 mixologist milanesi abbineranno al gorgonzola erborinato altrettanti cocktail. Sia con il Gorgonzola...

Read More...

Festival della Carbonara a Eataly Roma

IMAGE

Dal 19 al 21 gennaio 2018 a Eataly Roma arriva il Festival della Carbonara: l'evento si svilupperà in tutto il negozio e vedrà svariate...

Read More...

Cocktail concorso!

IMAGE

Bartender da tutta Italia stanno inviando in questi giorni le loro ricette originali per partecipare alla selezione indetta da Cocchi. Entro il 5...

Read More...

Canavacciuolo e Muggia in TV

IMAGE

Domenica 14 gennaio 2018 alle 21.20 su Canale 9 Discovery, va in onda O’ Mare Mio trasmissione condotta dallo chef Antonino Cannavacciuolo. La...

Read More...

Presepi in villa oltre 27mila visitatori

IMAGE

PRESEPI FVG: OLTRE 27 MILA PERSONE HANNO VISITATO LA MOSTRA IN VILLA MANIN. Premi a Roma per i presepisti regionali a Roma alla mostra...

Read More...

Da Maculan la 50esima vendemmia sarà resistente

Quaranta anni di vendemmie. Fausto Maculan le ha festeggiate con una cena in cantina (complimenti al ristorante “La Rosina” di Marostica per l’imponente buffet e una cena all’altezza della fama del locale), con visita alle Riserve, verticali di quattro annate (1985, 1998, 2005, 2015) del Fratta, blend di Cabernet e Merlot, Torcolato assaggiato con mille sorprese di profumi e sapori nelle annate 1978 (!), 1983, 1995 e 2000. E poi il re della serata, il XL, magnum di Cabernet Sauvignon datato vendemmia 2013. Fin qui tutto normale, o quasi. Perché Fausto ha aperto il libro dei ricordi, fatti di incontri voluti e cercati per impossessarsi dell’arte enologica. Erano gli anni Settanta, la famiglia Maculan il vino allora lo vendeva, ma Fausto, che aveva già da un po’ finito la scuola enologica di Conegliano, decide che il vino vuole farlo lui. Gira il mondo del vino dalla Champagne, all’Alsazia, a Bordeaux fino alla Napa Valley. E impara, assorbe più che può. Poi l’incontro decisivo: Luigi Veronelli. Un’altra volta cambia tutto: nasce il Torcolato, il passito da uva Vespaiola, che si faceva in tutte le famiglie della zona di Breganze, ma l’intuizione è di correggerlo togliendogli l’eccessiva vena liquorosa. E’ un successo, tanto che Gualtiero Marchesi lo adotta nel suo ristorante di via Bonvesin della Riva a Milano e le visite vicendevoli fra i due non si contano. Da lì il Torcolato fa il giro del mondo: un successo che dura anche oggi. Angela e Maria Vittoria sono la nuova generazione Maculan. Dopo il liceo scientifico hanno entrambe scelto la facoltà di Scienze e Tecnologie Agrarie all’Università di Padova. Angela, che ha visitato le zone vitivinicole più importanti del mondo, si occupa del settore export ed è anche presiedente del Seminario Permanente Luigi Veronelli. Maria Vittoria, invece, dal 2007 segue la gestione dei vigneti, il controllo di maturazione delle uve, le fermentazioni e l’affinamento dei vini. Da un decennio affiancano il padre nella conduzione dell’azienda.

La novità? La cinquantesima vendemmia sarà resistente. Ovvero la famiglia Maculan ha deciso di intraprendere la strada delle varietà resistenti alle malattie. Saranno messi a dimora il prossimo autunno i primi vigneti di Merlot Khorus e Sauvignon Rytos, due varietà resistenti selezionate dall’Università di Udine. Una conversione che nel corso di un decennio coinvolgerà progressivamente tutte le varietà coltivate. “Il primo impianto sarà complessivamente di sole 4000 viti – spiega Maria Vittoria – ma la nostra intenzione è di rinnovare via via i vigneti più vecchi con varietà resistenti alla malattie. È necessario specificare che queste varietà non sono individui geneticamente modificati, ma tipi ottenuti da incroci intraspecifici con il cambiamento solo del 5% dei cromosomi, ovvero di quelli responsabili degli effetti delle malattie sull’uva. Con queste varietà sono sufficienti solo uno o due trattamenti all’anno rispetto ai 10-11 che si praticano generalmente nel nostro territorio”. Una svolta storica per l’azienda fondata nei primi anni Cinquanta da Giovanni Maculan e saldamente nelle mani di Fausto dal 1973. La prima vinificazione dai nuovi vigneti è attesa per il 2020. “Puntiamo ad avere un vino eccellente entro il 2023 – aggiunge Angela – anno della cinquantesima vendemmia di nostro padre. Certamente il vino per celebrare quella ricorrenza sarà da vitigni resistenti”. “Nell’attesa di convertire tutta la produzione alle nuove varietà, aggiunge, stiamo sperimentando nuove macchine irroratrici: diffondono il prodotto unicamente sulle foglie, aspirando le eccedenze. Niente più deriva aerea e dispersione per terra”. E infine si pone un obiettivo: “La nostra sfida per il futuro è fare il vino rosso più buono d’Italia da varietà resistenti”.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Ricette


TUTTE
LE RICETTE

QbJunior


QB
JUNIOR

LifeStyle

eventi
LIFE
STYLE