cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Via Annia

Presentata al Museo Archeologico la pubblicazione Via Annia, un lungo viaggio nel tempo verso Aquileia

Presentata il 13 aprile presso il Museo Archeologico Nazionale di Aquileia, da Franca Maselli Scotti, ex Direttore del Museo, la pubblicazione sulla “Via Annia”, parte di un ampio progetto di valorizzazione dell’antica Via consolare e degli itinerari archeologici e delle attrattive culturali e naturalistiche dell’entroterra adriatico, da Adria fino ad Aquileia.

 Il libro, curato dall’archeologa Annalisa Giovannini, da anni collaboratrice della Soprintendenza, segue la via Annia tratto per tratto, dal Tagliamento ad Aquileia, ricostruendo il percorso sia con notizie d’epoca, sia attraverso scavi recenti e recentissimi.

 Notizie d'archivio e dati tratti dagli inventari della gestione absburgica del Museo di Aquileia hanno permesso il riconoscimento di reperti da decenni separati dai contesti originari di pertinenza, costituiti dalle necropoli che si estendevano sul tratto dell'Annia prossimo alla città come, ad esempio, una pregevole lucerna in bronzo, con ansa conformata  a testa di cavallo, e una scatolina a quattro scomparti, ancora in bronzo, provenienti dai recinti funerari della Scofa.

 Ma come si presentava il tratto della via Annia che dal Veneto portava ad Aquileia, seguendo i confini delle lagune, attraversando le pianure dell'entroterra, dal cui ultimo limitare si sarebbero scorti a Est i pianori del Carso e a Nord le cime delle Alpi ?

 Ricostruire l'ultima parte di questo percorso significa anche ricostruire attività di studio e di ricerca di archeologi e di appassionati dell'antico, senza i cui apporti poco si potrebbe scrivere e tramandare. Significa ricomporre sul territorio strutture e paesaggi diversi da periodo a periodo, fino a giungere ad offrire un quadro che nessun romano antico ha mai visto nella sua completezza e che è privilegio dei posteri. Un quadro che non è possibile cogliere appieno se prima non si conosce la città che ne è stata la meta, Aquileia.

Una città da comprendere nelle sue molteplici realtà, attraverso la sua stessa storia, da considerare nel suo ruolo di tramite tra mondi diversi e di punto di contatto tra uomini umili e uomini di potere: vi sono molte "vie" per giungere a ciò, per poi "ripartire" verso altre "strade". E' questo un invito, che viene rivolto per ricondurre dal generale al particolare, alla via che dal nome del suo artefice si chiamava Annia, nome che proprio iscrizioni rinvenute ad Aquileia hanno restituito e fatto conoscere.

NOTIZIE STORICHE

La Via Annia fu fatta costruire, nel 131 a.C., dal pretore Tito Annio Rufo. Essa era costituita, in gran parte, da una superficie di ghiaia e solo in prossimità dei centri urbani più rilevanti doveva essere ricoperta di basoli. La via collegava Adria ad Aquileia, attraverso i territori dei tre importanti centri di Padova, Altino e Concordia. Più in dettaglio, in corrispondenza di Mestre, il tragitto lambiva la costa, mentre nel tratto tra Altino e Concordia, esso ripercorreva il preesistente sistema viario paleoveneto. La direttrice venne utilizzata fino al periodo tardo imperiale: cronache del tempo riferiscono che, nel corso del IV sec. d.C., numerosi imperatori vi transitarono al fine di difendere il confine orientale dell’Impero.

Testo redatto a cura di Carmelina Rubino con il contributo scientifico dell’autore, l’archeologa Annalisa Giovannini. Per ulteriori informazioni: Museo Archeologico Nazionale di Aquileia Tel. 0431-91035 – 91016

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.