fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

banner visita nostro shop on line

Storie di pietre e di Schioppettino

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Schioppettino di Prepotto  courtesy ph WineMag.itSchioppettino di Prepotto courtesy ph WineMag.itDal Castello di Albana (Prepotto) presentazione in anteprima del Concorso letterario dedicato ai vini alla terra alle pietre di Prepotto (UD). Appuntamento sui canali social di Duino&Book martedì 18 maggio alle 18.  Prepotto in provincia di Udine è una delle 25 Città del Vino della regione FVG.  Una puntata introdotta dall’Ambasciatore delle Città del Vino e componente del Coordinamento Regionale Gianpietro Colecchia, che da Duino Aurisina passerà il testimone al Sindaco di Prepotto avvocato Mariaclara Forti, che ci presenterà il territorio e  importanti iniziative. La consigliera delegata Barbara Pascoli presenterà il Concorso I racconti dello Schioppettino di Prepotto. #Unicopernatura. Il comune di Prepotto (UD) indice infatti un concorso letterario in collaborazione con il Duino&Book con cadenza annuale dedicato al vino Schioppettino, eccellenza del territorio. Duplice lo scopo dell’iniziativa: favorire la creatività di coloro che amano la scrittura e il vino, nonché valorizzare, attraverso un’iniziativa culturale, lo Schioppettino di Prepotto. 

Per saperne di più sulle modalità del concorso vai al nostro link qbquantobasta.it/eventi/bandi-concorsi/i-racconti-dello-schioppettino

Il Concorso gode anche del patrocinio del Ducato dei Vini Friulani. 

I

A conclusione dell’incontro parlerà il dott. Claudio Fabbro agronomo, enologo e giornalista, cittadino onorario di Prepotto

La puntata lancerà la seconda fase (Storie di Angeli, 1-17 luglio) e la terza fase (Storie di vini, 1 settembre 21 dicembre) che vedrà proprio con la premiazione del Concorso la conclusione dell’ottava edizione di DuinoBook 2021.

Prepotto si affaccia ai dolci declivi del Collio, con cui ha in comune un'antica tradizione vitivinicola. Nelle varie frazioni troviamo numerosi esempi ben conservati di architettura rurale, in particolare la borgata di Berda ristrutturata dopo il terremoto secondo criteri di unità stilistico-ambientale. La storia di Prepotto è indissolubilmente legata a quella di Castelmonte. Il complesso che costituisce l'attuale santuario fu in origine una postazione romana, trasformata successivamente in borgo fortificato. Citato per la prima volta in un documento del 1175, il santuario della Beata Vergine del Monte appartenne prima al Preposito di S. Stefano a Cividale, poi, dal 1253, al capitolo di Santa Maria. Nel XIII secolo la Chiesa di S. Maria in Monte era considerata una delle più importanti del Patriarcato di Aquileia. Devastato da un rovinoso incendio nel 1469 e semidistrutto dal terremoto del 1511, il santuario fu ampliato e abbellito nel Seicento. Da un punto di vista urbanistico, eccezion fatta per gli interventi eseguiti in seguito all'ultima guerra mondiale, la struttura non subì ulteriori grandi modifiche. Tra le opere d'arte della chiesa è degna di nota la quattrocentesca Madonna con Bambino, statua in pietra dipinta. di scuola salisburghese; la statua è inserita nell'altare barocco eseguito nel 1684 da Alessandro Tremignon. Di notevole interesse sono i numerosi ex-voto che costituiscono un'importante testimonianza di religiosità popolare. Tra le chiese minori della zona ricordiamo la Chiesetta di S. Antonio ad Oborza, la Chiesa di S. Bartolomeo Apostolo a Ciubiz, la Chiesetta dei tre Re a Prepotischis e la Chiesa dei Ss. Pietro e Paolo a Centa. (fonte: www.vallinatisone.it)

Il Comune di Prepotto è composto da numerosi borghi nati intorno ad antiche fortificazioni o sviluppatisi ai margini di casali e fattorie. Meritano una visita il castello di Albana e il borgo medioevale di Castelmonte da cui passa la Via dei Monti Sacri, un itinerario tematico (percorribile in macchina, autobus, mountain bike o a piedi) che collega tra di loro tre santuari dedicati alla Madonna: Monte Santo (Sveta Gora) nel comune di Nova Gorica, Maria Zell e Castelmonte.  Il borgo rurale di Centa è costituito da un nucleo compatto di piccole abitazioni, due delle quali risalenti al XIV e XVI sec. Dopo una lunga fase di abbandono, questa valle ha saputo valorizzato la coltura della vite soprattutto nella parte pianeggiante e collinare, arrivando oggi a contare ben 200 aziende che producono alcuni tra i migliori vini friulani. Fiore all'occhiello del territorio è la sottozona "Schioppettino di Prepotto” della DOC Friuli Colli Orientali, ricavata dall'omonimo vitigno autoctono, che nasce proprio nella valle del Judrio. Appartiene alla famiglia delle ribolle - è infatti la ribolla nera o pocalza, in sloveno - e deriva forse il suo nome dallo "schioppettare" alla masticazione dell'uva matura, caratterizzata da una buccia tesa e spessa o forse dalla particolarità del mosto che, fermentando, “schioppetta” sul palato.

 

Duino&Book è promosso dal Gruppo Ermada Flavio Vidonis e si svolge grazie al contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia nell’ambito della Promozione delle attività culturali – iniziative progettuali 2021 per le manifestazioni di divulgazione della cultura umanistica e si avvale di diversi e specifici contributi nelle varie sezioni per la loro realizzazione.

 


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata