cibo, vino e quantobasta per essere felici

Solstizio d'estate a Villa Passi

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

filosofi villa passifilosofi villa passifilosofofilosofo

21 giugno 2020, solstizio d’estate. I gradini per il paradiso. Posti sul selese (selce o selciato per chi non sa il veneto) di Villa Passi a traguardare il sole che sorge e che tramonta nei solstizi d’inverno e d'estate, Democrito, il filosofo che ride, ed Eraclito, il filosofo che piange, scandiscono le stagioni, quelle che determinano i raccolti e la qualità di vita se sono buoni o cattivi, rammentando a tutti come la vita, lo si voglia o no, dipende dall’universo naturale che ci circonda.
Napio, pito, baete, querceti … Si giocava così una volta. Due pezzi di legno, delle buchette o un cerchio in terra da conquistare lanciando palline di terracotta, e mille sfide nel tempo della ricreazione, o dopo mangiato prima di fare i compiti.
I querceti (coperchietti) erano i tappi corona in metallo della birra o della spuma. La base interna di sughero - ma alcuni venivano “truccati”, appesantiti aggiungendo altro sughero - erano le nostre “bighe”, le nostre “Ferrari”, i nostri “campioni” e la pista su cui gareggiare erano i gradini delle “Statue” della Villa. Le statue sono Democrito ed Eraclito (ma mica sapevamo chi fossero) con le alzate ottagonali di pietra che reggono i busti dei filosofi. Si partiva dal gradino più basso e si doveva completare il giro lanciando il tappo; quindi si passava al gradino superiore e così su fino all’ultimo, stretto e complicatissimo da percorrere senza volare fuori. Il lancio avveniva usando medio e pollice a far slittare il querceto sulla pietra, e se si usciva di strada si poteva rifare il tiro ripartendo dallo stesso punto. A volte il querceto rimbalzava su un’asperità della pietra e accidentalmente si raddrizzava, mettendosi a correre tutt’intorno come una ruota, con urla di trionfo del lanciatore e l’esclamazione laconica tipica dell’avversario: “Checculo!”. Mezzi pomeriggi, veri campionati, sordi ai richiami, “Basta, vieni a fare i compiti …”.

Giocavamo senza saperlo sulla metafora della vita: i simboli che scandiscono il tempo e le stagioni. L’ottagono simboleggia l’ottavo giorno, la resurrezione, evoca la vita eterna; il numero 8 è universalmente il numero dell'equilibrio cosmico. Insomma, ecco, a ogni gradino conquistato, ci sembrava davvero di salire in Paradiso. Copyright © Alberto Passi

domenica 21 giugno 2020 visita guidata a Villa Passi dalle 11:00 (presentarsi alle ore 10:50)
Ingresso: Via Brigata Marche, 24 - Carbonera TV

Prenotazioni:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. / 329 7406219 N.B. Parcheggio auto interno. La visita si effettua anche in caso di pioggia

Potrebbe interessarti anche Percorso dell'acqua a Villa Passi


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.