cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Siglato il memorandum di Aquileia

foto Petrussifoto Petrussi

Dal patrimonio culturale lo sviluppo sostenibile, siglato il memorandum di Aquileia. Sancisce l’avvio di un percorso di cooperarazione tra Cciaa di Pn-Ud, network dei siti Unesco Mirabilia e Fondazione Aquileia, e di un progetto pilota che coinvolgerà le aziende dell’aquileiese. Mappatura, formazione e accompagnamento, per arrivare a un modello di offerta sostenibile dei servizi di accoglienza turistica certificata e replicabile poi in altri siti Unesco. Un memorandum d’intesa per dare avvio a una cooperazione che miri allo sviluppo sostenibile delle comunità e delle economie locali facendo leva sull’inestimabile patrimonio dei Siti Unesco e in sempre più stretta cooperazione con l’organizzazione Unesco stessa. È stato siglato oggi, ad Aquileia, dai presidenti della Camera di Commercio di Pordenone-Udine Giovanni Da Pozzo, del network di siti Unesco italiani Mirabilia Angelo Tortorelli e della Fondazione Aquileia Antonio Zanardi Landi, perché proprio la città e la sua area di riferimento saranno protagoniste del progetto pilota a cui il memorandum dà ufficialmente avvio. Ad Aquileia sarà effettuata una prima mappatura delle attività che operano nel comparto ricettivo, turistico e culturale, saranno realizzati percorsi di formazione per le aziende, che saranno anche accompagnate nell’allineamento ai principi di sostenibilità in linea con le indicazioni dell’Organizzazione mondiale del turismo, allineamento propedeutico alla possibile certificazione. I partner del memorandum collaboreranno alla predisposizione di progetti europei e internazionali per favorire lo sviluppo, la creazione e l’inclusione di un’offerta sostenibile dei servizi di accoglienza turistica. L’obiettivo è quello di costruire un modello che, da Aquileia, sia poi replicabile in altri Siti patrimonio dell’umanità.

 

La firma dell’atto ha aperto la due-giorni del periodico “partner meeting” del network Mirabilia, la rete italiana che riunisce le Camere di Commercio (tra cui Pn-Ud) i cui territori ospitano siti Unesco e che realizza attività di promozione comune per garantire maggior forza comunicativa e operativa a ciascuno dei siti coinvolti, ma anche alle imprese che ruotano attorno a essi. Mirabilia è proprio l’unione che fa la forza: permette infatti di confrontare esperienze e progettare iniziative comuni, di realizzare attività sui singoli territori, di organizzare incontri fra imprese del turismo e della cultura delle aree coinvolte e di metterle in relazione con operatori del turismo culturale europei e internazionali, come avviene per esempio nella Borsa Internazionale del Turismo Culturale, che Mirabilia organizza annualmente in modo itinerante nelle diverse località del network e che quest’anno sarà a Matera, capitale europea della cultura, il 18 e 19 novembre. Il partner meeting di Aquileia, che è patrocinato dal Comune, dopo l’avvio al progetto del memorandum, martedì 14 maggio si concentrerà su tematiche in diversi tavoli di confronto, in particolare “Cooperazione con l’Autorità di gestione Unesco”, “Sistema di Gestione Qualità” e “Progetti congiunti a co-finanziamento europeo, Creative Europe e Horizon 2020”. Al meeting si discuteranno anche gli sviluppi futuri del network Mirabilia, che si avvia a diventare percorso di portata europea e si estenderà anche ad altri stati membri.

 Dal sindaco Gabriele Spanghero, è arrivata la “benedizione” al meeting e al progetto, sottolineando «il ruolo complesso che ha chi si trova a gestire un patrimonio storico-culturale di questa rilevanza. Le attività da mettere in campo per promuovere un territorio come il nostro – ha detto – non possono prescindere da una collaborazione tra enti e l’amministrazione può fare la sua parte in modo significativo, soprattutto a livello urbanistico e riqualificazione». Da Pozzo ha rimarcato «il significato di questo memorandum: vogliamo dare vita a un modello “esportabile” di cooperazione per lo sviluppo sostenibile dei territori che ospitano siti Unesco – ha evidenziato il presidente camerale – ed è per questo che la firma avviene sotto l’egida del progetto Mirabilia, una rete che si muove in una duplice direzione. Da un lato amplia la sua portata uscendo dai confini camerali, all’interno dei quali è nata, per arrivare a una rilevanza italiana e sempre più internazionale, e dall’altro si avvicina al cuore di ciascun territorio e a chi è chiamato a gestire in prima persona le comunità e le economie che ruotano attorno a questi siti di eccellenza. L’economia europea e globale si stanno profondamente modificando e in questo senso collaborazioni come la nostra sono sempre più importanti per una crescita sostenibile. Ringrazio il presidente Tortorelli che ha dato avvio a questo percorso, ancora da presidente della Camera di Matera, ed è un onore averlo qui oggi, assieme ai tanti rappresentanti internazionali». E proprio all’apertura dei confini verso l’Europa e il mondo si è riferito Tortorelli nel suo intervento introduttivo. «La Cciaa di Udine è stata pioniera – ha detto – e la ringrazio per aver sempre collaborato con grande propositività alla rete. Siamo a una svolta decisiva per il progetto Mirabilia, che è stato premiato anche dalla Commissione europea per la grande capacità di fare cooperazione in modo concreto, nato con la volontà di intercettare e ampliare la conoscenza di tanti siti Unesco al grande pubblico che spesso si ferma solo nelle località più note, come Venezia, Roma, Firenze. Mirabilia continua ad allargare orizzonti: tanti Paesi hanno già manifestato volontà di farne parte ed è questa la strada su cui ci stiamo muovendo e ci muoveremo nei prossimi mesi». Zanardi Landi ha quindi sottolineato come «sia questo, davvero, il momento migliore per sancire questa collaborazione, un momento in cui Aquileia sta crescendo incredibilmente. In un solo anno, da 2017 a 2018, abbiamo avuto un incremento eccezionale delle visite al sito e prevediamo un ulteriore significativo aumento anche quest’anno, perché stiamo investendo moltissimo, realizzando valorizzazioni dei siti, organizzando iniziative e comunicando con sempre più efficacia l’eccellenza di Aquileia. Con la Camera di Commercio – ha concluso - abbiamo una lunga e proficua collaborazione e così con PromoTurismoFvg, con cui stiamo avviando nuove progettualità importanti. Spero che Aquileia potrà dare ulteriori soddisfazioni anche in questo nuovo percorso insieme». E proprio da PromoTurismoFvg è arrivata la conferma di un impegno crescente sui siti Unesco, come ha evidenziato il direttore Lucio Gomiero. «sia con iniziative tangibili sia grazie alle nuove tecnologie – ha confermato – e ci impegneremo a promuoverli sempre più in collegamento tra di loro. Mirabilia è dunque una importante connessione per noi, che già stiamo operando molto anche con i Paesi vicini e a livello internazionale».

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni