cibo, vino e quantobasta per essere felici

Sangiovese attorno al fuoco a Modigliana

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Un enorme fuoco acceso in piazza attorno al quale ritrovarsi, sfidando il freddo, per condividere ottimo vino e buon cibo. È la tradizionale formula del “Zoc ed Nadél”, la manifestazione promossa dalla Pro Loco di Modigliana (FC) e dall’amministrazione comunale. In questi ultimi anni, Modigliana si sta affermando scome territorio emergente del vino italiano, con un interesse crescente da parte di sommelier e appassionati, anche all’estero. «A rendere speciale questo luogo è una coincidenza di cose che ha dello straordinario», sottolinea Giorgio Melandri, wine writer anima del progetto Mutiliana, «a cominciare dalla storia di Castelluccio che ci dà certezze sulla longevità dei vini. Poi i suoli poveri di marne e arenarie che regalano finezza ed eleganza e l’onnipresenza del bosco che fa di Modigliana un ecosistema naturale unico».
Ad accompagnare i vini delle 11 cantine di Modigliana ci sarà la cucina di Antichi Sapori dove Paola Ghetti, insieme al figlio Fabio, porta avanti il lavoro cominciato anni fa dalla sfoglina più famosa della Romagna, Elsa Fregnani.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.