cibo, vino e quantobasta per essere felici

Percorso dell'acqua a Villa Passi

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Villa Passi a CarboneraVilla Passi a Carbonera

L'acqua è sacra e se manca o ce n’è troppa o ti sprofonda, che tu sia re, capitano o coscritto al remo, rende tutti uguali. L’acqua è matrice del Bene Comune e a Venezia, sappiamo, ha determinato tutto, politica ed economia. Coltivar el mar dicevano, e il mare si è fatto tramite di grandi fortune … e sfortune anche. L’acqua rende ancor oggi Venezia magica e impossibile, perché è la natura stessa che dà e toglie.

L’acqua, quella delle centinaia di fiumi presenti in terra veneta, era sfruttata come preziosissima risorsa, intesa come energia rinnovabile, pulita e a basso costo; alla sua cospicua presenza dobbiamo la Santa Agricoltura gestita dalla Ville e la stupefacente capacità manifatturiera dei veneti: con la ruota del mulino e la leva del maglio diventeranno industriali un secolo prima della rivoluzione Industriale.

Non c’è Villa Veneta se non c’è l’acqua. Con il Rio Piovenzan, piccolo fiume di risorgiva, a Villa Tiepolo Passi si gestivano i broli (orti e pollai), le cantine, le scuderie, la liscera (lavanderia), si faceva il ghiaccio per la giasera (ghiacciaia) e si allevava il pesce in peschiera. E a Carbonera, un comune ancor oggi privo di acquedotto (e deve considerarsi un privilegio), l'acqua di falda a temperatura costante di 13 °C e di qualità sublime è quella che sgorga quotidianamente dalle fontane e dai rubinetti di casa.

brunch a Villa Tiepolo Passibrunch a Villa Tiepolo Passi

Quante storie intorno alla roda mata o rosta (ruota, detta matta perché non macinava farine), sei metri di diametro per sollevare l’acqua del rio e portarla in villa. Quanti giochi con le chiuse dei canali che irrigavano il giardino e che scherzi nelle stanze cupe della grotta-ghiacciaia. I bagni, le esplorazioni con zattere improvvisate nel lago del parco romantico o le pattinate quando ghiacciava erano quasi all’ordine del giorno. I contadini ripulivano la peschiera da alghe e fanghiglia una volta l'anno ed era una festa perché si pescavano a decine anguille di tutte le misure. Una settimana dopo, depurate, finivano in tecia e si allestiva un grande pranzo con gli uomini e le donne di campagna nella rimessa delle carrozze. Copyright © Alberto Passi

Villa Tiepolo Passi, Carbonera, Treviso

Per le visite guidate alla Villa Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. | +39 329 7406219

 


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.