cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

La 'Ndocciata del Molise il rito del fuoco natalizio più grande del mondo

ndocciata. fonte moliseweb.itndocciata. fonte moliseweb.it

In Alto Molise quando l’aria si fa pungente è il tempo della ‘Ndocciata, il rito del fuoco più grande del mondo, che affonda le radici in una tradizione ancestrale e che oggi è l’evento turistico di punta del mese di dicembre sull’Appennino molisano. Una scenografica sfilata di enormi fiaccole, le ‘ndocce, illumina il corso principale di Agnone (IS), cittadina delle campane, dell’artigianato e dell’arte casearia, a pochi chilometri da Castel del Giudice (IS) e dalle scasette in pietra e legno che compongono, come in un presepe, l’albergo diffuso Borgotufi. Al calare del sole e al suono delle campane, intorno alle 18.00 del giorno 8 dicembre e del giorno 24 dicembre,  migliaia di persone attendono nel cuore di Agnone che i portatori delle 5 contrade agnonesi vestiti con cappe e cappelli neri e abiti contadini sfilino nelle strade della cittadina, sfoggiando sulle spalle le ‘ndocce, grandi torce infuocate costruite a mano con legno d’abete e composte a raggiera. ll corteo comincia con le torce più piccole, quelle singole, per stupire poi gli spettatori con ‘ndocce infuocate sempre più grandi, che possono superare le 20 fiaccole e il peso di 140 kg. Un'occasione per immergersi anche nel mondo millenario dei Sanniti nelle aree archeologiche di Pietrabbondante e Vastogirardi.  Le radici della tradizione risalgono del resto  -pare - all'epoca romana, quando i Sanniti usavano 'ndocce come fonte di luce durante gli spostamenti notturni.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)