fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

Central park goriziano: fra ponti aree picnic e uliveti

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

central park gorizianocentral park goriziano

Gorizia. Con un’ampiezza di 120mila metri quadrati, pari a circa 15 campi di calcio, il Central park goriziano che, dalla Valletta del Corno si estende fino a Straccis e, visivamente, fino al Calvario, si appresta a diventare uno straordinario polmone verde attrezzato e fruibile, praticamente in centro città. Il sindaco, Rodolfo Ziberna e l’assessore ai lavori pubblici Arianna Bellan hanno effettuato un sopralluogo per fare il punto della situazione sui lavori insieme al titolare dell’impresa, Mario Causero, al rup, Raffaella Tuzzi, al dirigente comunale dei lavori pubblici, Alessandro De Luisa, e ad altri tecnici.

È venuta allo scoperto la bellezza di un’area verde che da decenni era nascosta dalla vegetazione selvaggia e dal degrado. A partire dal torrente Corno che, tornato a scorrere dall’aperto, sarà al centro della nuova vita di tutto il parco. Lungo il percorso d’acqua, che sarà attraversato da suggestivi ponticelli, si potrà camminare e correre in bicicletta mentre negli spazi verdi fra gli alberi saranno ricavate zone per il picnic delle famiglie.
Ma sono previsti anche centri fitness all’aperto, uno skatepark e aree giochi per i bambini oltre a strutture per il ristoro.
Camminando lungo le rive del torrente, grazie alla pulizia della vegetazione ,effettuata sui bordi del terrapieno verso via Nievo, consente di rivedere dal basso le ville austriache; alzando gli occhi si può ammirare il monte Calvario e intravedere i monumenti sulla sua vetta.
Un’area da godere a 360 gradi, quindi, fra splendide macchie di vegetazione autoctona, un uliveto realizzato a suo tempo da un privato, un ortofrutteto urbano, bunker utilizzati durante le guerre e tante altre curiosità.

Come è stato spiegato, ci sarà anche un tunnel pedonale che collegherà la parte del parco di Straccis alla Valletta del Corno, in un gioco di percorsi che renderà ancora più suggestivo quello che, a tutti gli effetti. si può considerare il Central park goriziano, la prima parte del quale sarà concluso entro la primavera del 2022.

Si tratta di un vero gioiellino- hanno ribadito il sindaco Ziberna e l’assessore Bellan-, che renderà Gorizia una città ancora di più a misura di famiglia. Qui, infatti, i bambini potranno giocare in mezzo al verde senza alcun problema di traffico ma anche gli amanti della passeggiata o della corsa o, semplicemente della vita all’aria aperta troveranno l’ambiente ideale in cui immergersi senza dimenticare gli spazi creati su misura per le famiglie nella loro interezza  Ci saranno anche spazi per i giovani, in particolare nella Vallette dal Corno e, ne siamo certi, questa grande area verde dove si intrecciano natura e storia attirerà anche tanti visitatori da fuori Gorizia. Non sono molte le città che possono vantarsi di avere una struttura del genere in pieno centro”.

Il sindaco, alla luce di tutto ciò, evidenzia quindi l’importanza della riqualificazione di via Boccaccio, dei due mercati e dei Giardini pubblici. “Il collegamento con questa zona rappresenterà un’attrazione eccezionale per la nostra città, afferma, perché la valorizzazione dei due mercati in chiave enogastronomica, con la promozione di eccellenze locali e di prodotti tipici consentirà di completare l’offerta. Ma non solo. La realizzazione di un parcheggio sotterraneo nel mercato all’ingrosso permetterà ai turisti di poter arrivare direttamente in città e di raggiungere senza grossi problemi tutti i punti di maggior interesse turistico ma anche commerciale. Non c’è dubbio, il nostro Central park goriziano rappresenterà un unicum che migliorerà la qualità della vita dei residenti e attirerà molta gente anche da fuori”.

Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata