cibo, vino e quantobasta per essere felici

Cantiano diventa piazza del gusto

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Due giorni di sapori autentici a Cantiano, nel cuore dell’Appennino Umbro-Marchigiano, nel territorio a cavallo tra Marche e Umbria che fu dominio dei Montefeltro Duchi d’Urbino e già attraversato in epoca romana dalla consolare “Flaminia”, Tappa golosa per il Grand Tour delle Marche il 4 ed il 5 maggio 2019. Cantiano è il paese dove l'Amministrazione comunale crede nel potere attrattivo del luogo e ha, lanciato la vendita delle case non utilizzate alla simbolica cifra di un euro, per stimolare il ripopolamento e dare nuova linfa all’economia locale.

Subito tantissime, più di trecento, le richieste arrivate da tutto il mondo. Protagonisti della Piazza del Gusto il pane di Chiaserna, prodotto con acqua di sorgente e “lievito madre”, che utilizza anche grani antichi; è in programma l’inaugurazione di uno spazio espositivo dedicato al “Mulino a pietra”, a completamento del progetto "Filiera corta del Pane di Chiaserna".

L’amarena di Cantiano è un frutto prezioso e rinomato a livello internazionale. In questo territorio, il visciolo o amarena cresce spontaneamente. Agli albori del ‘900, due imprenditori iniziarono a commercializzare lo sciroppo di visciole, denominato appunto “Amarena di Cantiano”, divenne subito noto in tutta Italia come simbolo di raffinatezza gastronomica, apprezzato anche dalla Real Casa Savoia.

Con la Piazza del Gusto ci sarà la possibilità di assaggiare anche il tartufo estivo, la birra agricola del Catria, così come la tradizionale polenta alla carbonara, insieme ai salumi ed alle prelibate carni bovine ed equine da allevamenti allo stato brado. Per info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.