cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Alla scoperta dei giganti verdi nel Parco di Miramare

 

Giant Trees Foundation onlus ha scelto Miramare e il suo parco secolare per dare avvio al percorso che porterà alla scoperta del mondo verde del Friuli Venezia Giulia. Dodici appuntamenti mensili per conoscere, osservare e “ascoltare” gli alberi più vecchi e più grandi presenti nel territorio. L’uscita a Miramare, che si svolgerà sabato 25 gennaio, abbraccerà l’eclettismo del suo Parco e la maestosità del suo Castello, inserendolo nel contesto in cui l’ha voluto il suo ideatore e fondatore, l’arciduca Massimiliano d’Asburgo appassionato botanico. Massimiliano ha fatto del parco la sua “creatura”, inventata quando nulla faceva intuire il potenziale di questo promontorio roccioso, amata e curata anche a distanza, con precisi indirizzi gestionali e l’ausilio di esperti giardinieri di altissimo livello che ne seguivano lo sviluppo, spesso osteggiato dal clima.

Il Parco fu improntato subito ad una triplice funzione: giardino privato della coppia asburgica, arboretum per l’acclimatazione di specie esotiche e stazione sperimentale di riforestazione, vista l’urgenza di rimboschire il Carso che in quegli anni era stato devastato da tagli e pascolo eccessivi.

L’escursione di sabato 25 gennaio porterà dunque a scoprire i tesori botanici dell’arciduca, ma lo farà prendendo le mosse dall’alto, partendo a piedi - come usavano gli abitanti dei borghi di Prosecco e Contovello - con un itinerario che attraverserà i pastini terrazzati ormai riconosciuti come patrimonio culturale collettivo, all’interno di un paesaggio a mosaico dove lembi di boscaglia carsica si intrecciano con piccole aree dedicate all'agricoltura, dove vecchi itinerari e nuove sensibilità si incontrano per plasmare un paesaggio in continua e impercettibile, evoluzione.

 

La passeggiata prenderà avvio dal paese di Prosecco per proseguire quasi sempre in discesa lungo strade forestali sterrate, scalinate disuguali in arenaria e sentieri lastricati orlati da muretti in pietra di vecchia e nuova fattura: l’itinerario attraverserà querceti e terrazzamenti a viti e olivi. Permetterà di osservare la morfologia del territorio e di giungere a Miramare, attraverso la storica stazione ferroviaria contemporanea a Massimiliano. Nel Parco, compreso nella Riserva della Biosfera di Miramare riconosciuta dall’UNESCO per la eccezionalità del paesaggio e dell'armonia con la quale Uomo e Natura convivono, la passeggiata proseguirà studiando alcuni esemplari arborei molto speciali, tra cui spiccano un Corbezzolo, un Leccio e un Pino grigio monumentali.

L’escursione si chiuderà con una visita al Castello accompagnati dall’esperta del Museo Storico Daniela Crasso, per scoprire il contesto storico e politico in cui è stato creato il Parco.

A condurre l’escursione, per gli approfondimenti botanici ci sarà Pierluigi Nimis (professore ordinario di Botanica sistematica dell'Università di Trieste) il quale, insieme a Sara Famiani (guida naturalistica), Denia Cleri (Operatore Naturalistico e Culturale della SAF Sezione CAI di Udine), Andrea Maroè (esperto di alberi monumentali), accompagneranno la comitiva lungo tutto il percorso.

Difficoltà percorso: Turistico.

Dislivello: 50 m positivo e 200 m negativo da svolgersi su sentieri e scalinate disuguali e sconnesse.

Ritrovo: ore 9.00 fuori del parcheggio a pagamento del castello.

Durata escursione: dalle 9.00 alle 15.00. Pranzo al sacco autogestito nelle aree autorizzate. Aperta la caffetteria per chi desiderasse fruire di uno spuntino.

Quota di partecipazione: escursione gratuita.

Trasporto: mezzi propri (è previsto un breve trasferimento).

Abbigliamento consigliato: scarpe e scarponcini da trekking con suola gommata e bastoncini per la discesa.

Iscrizioni: entro giovedì 23 gennaio 2020 inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Le iscrizioni si intendono confermate solo in seguito alla ricezione di una risposta da parte della segreteria. Posti limitati, max 30 persone.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.