cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

A Casarsa Presepi in 5 tappe

PRESEPI A CASARSA: 5 TAPPE PER UN ITINERARIO inserite nel Giro Presepi Fvg del Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione nazionale Pro loco d’Italia. 
1. Il presepe itinerante della Parrocchia di Casarsa parte dal sagrato della Chiesa Parrocchiale e coinvolge di anno in anno sempre più strade e angoli del paese. Una sorta di cammino, curato da Parrocchia e associazione Il Disegno, che culmina con la Sacra Famiglia. I personaggi che compongono l’opera sono ricostruiti a grandezza naturale e con materiali poveri, arricchiti dalla creatività e dalla fantasia di fanciulli, bambini e genitori. Visitabile tutti i giorni dall’8 dicembre 2018 all’8 gennaio 2019.
2. Sempre a Casarsa il presepe “Una finestra sul Natale” del Centro Socio Occupazionale Il Piccolo Principe di Casarsa in via Vittorio Veneto 22/G. Allestito sul davanzale di una finestra del centro stesso, l’opera è costituita da statue in resina che insieme compongono la scena presepiale di ispirazione tradizionale. Visitabile tutti i giorni dall’8 dicembre 2018 al 6 gennaio 2019. 
3. A San Giovanni, porte aperte della Chiesa di Sant’Urbano in Borgo Runcis. Qui  è allestita la mostra presepiale La vita nella vite. La rassegna è costituita da 201 presepi realizzati a mano su tronchi e radici di vite da Alberio Castellarin. La vite, ormai “spremuta fino all’osso” e vecchia, rinasce attraverso le realizzazioni dell’artista che sceglie di recuperarla e le conferisce nuova vita e nuovi significati. La mostra è visitabile fino al 6 gennaio 2019.  Domenica ore 10.00-12.00 e 15.00-18.00. Anche visite guidate previa prenotazione telefonica (Alberio Castellarin 327-840714 ).
4. Sempre a San Giovanni, in via Tofane 1, quarta edizione dello spettacolare presepe in movimento realizzato dal giovane artista locale Mirco Casotto. La Natività è inserita in un ambiente rurale del secolo scorso dove sono ricostruiti i mestieri artigianali di un tempo, accompagnati dalle scene di vita quotidiana e di lavoro nei campi e nelle stalle. Molti sono i personaggi, tutti in movimento, in armonia con le scenografie costruite e dipinte interamente a mano. Predisposto su più piani, il presepe accoglie il visitatore con effetti sonori e luminosi. Esterno abitazione privata. Il presepe è visitabile finp al 6 gennaio 2019 dal lunedì al sabato dalle  16.00 alle 19.00, la domenica e i festivi dalle ore 14.00 alle 19.00 Si effettuano visite guidate previa prenotazione telefonica (per info: Mirco Casotto 349-3761398).
5. Caratteristico presepe sotto i gelsi che dona all’antica chiesetta di Sant’Antonio Abate a Versuta un’atmosfera particolare e preziosa (a cura dell’associazione La Beorcja). Il presepe è composto da sagome forgiate in legno e plastica. Da quest’anno si inserisce una pregevole rassegna di presepi realizzati da artisti locali allestita all’interno della chiesetta con opere di diversa ambientazione, fattura, materiali e pregio artistico: scolpiti in legno da Giuliano Sessolo ed Eugenio Rosa, realizzati in ferro da Gino Cristante e in terracotta da Giuseppe Nogarotto. Il presepe esterno è visitabile tutti i giorni. La mostra collocata all’interno della Chiesetta, segue i seguenti orari: fino al 6 gennaio 2019, il sabato dalle 15.00 alle 18.00 e la domenica dalle 10.00 alle 12.00 e dalle 15.00 alle 18.00. 
 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni