cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Oro di Ramandolo on tour

Premessa-dubbio prima di pubblicare: questo articolo va messo nella sezione Vini o in Itinerari e Luoghi? Abbiamo scelto la seconda opzione perchè Ramandolo per noi prima che un vino - o consustanzialmente al vino-  è un luogo di elezione. E poi l'evento è proprio un tour alla scoperta dei luoghi. Nelle terre del Ramandolo DOCG - tra Nimis e Tarcento, alle pendici del Monte Bernadia- la vendemmia dura più a lungo. Si attende fino a quando i grappoli di Verduzzo giallo asciugati dal sole o lasciati appassire sui graticci sono pronti per la torchiatura, che avviene normalmente tra fine ottobre e metà novembre.

ramandolo appassimentoramandolo appassimento Quando l'Oro di Ramandolo – come viene chiamato per il suo colore ambrato – esce dal torchio e il mosto si avvia a diventare vino, è il momento di fare festa.

E' con questo spirito che i produttori del Ramandolo DOCG, coordinati dal Consorzio Tutela Vini Colli Orientali e Ramandolo, in collaborazione con la Pro Torlano hanno organizzato Oro di Ramandolo, un tour enogastronomico che sabato 10 novembre, si snoderà tra colline e cantine ubicate a Nimis e nelle frazioni di Ramandolo e Cergneu. Tre cantine (I Comelli, Dario Coos e La Roncaia), la mitica Osteria di Ramandolo degli amici Ilenia e Pietro e una suggestiva country-house, il Ramandolo Club, sono i cinque spazi che ospiteranno quindici ristoratori, altrettanti vignaioli e una ventina di “artigiani del gusto”. Protagonisti, in abbinamento a gustosi assaggi (piatti di stagione e prodotti di territorio), il Ramandolo e gli altri pregiati vini bianchi e rossi prodotti in zona. In ogni spazio è prevista la colonna sonora con musica dal vivo.


Gli spostamenti di tappa in tappa verranno assicurati dai pulmini messi a disposizione dall'organizzazione; le autovetture private dovranno essere parcheggiate in via Valle a Nimis (cantina “I Comelli”) dove funzionerà la reception e dove, a partire dalle 11.30, si potranno ritirare “pass”, bicchiere e programma-menu.


L'aperitivo – bollicine del territorio e ovviamente non mancherà la Ribolla Gialla oggi così di tendenza – verrà abbinato alle eccellenze dell'agroalimentare friulano, a cominciare dai prosciutti di San Daniele e di Sauris. Non mancherà una selezione di formaggi abbinati a due rossi “ospiti”: il Refosco di Faedis e lo Schioppettino di Prepotto. Il gran finale sarà ospitato nella tappa di partenza (dai Comelli) con il buffet dei dolci, il “banco d'assaggio” con il Ramandolo DOCG di tutti i produttori aderenti alla manifestazione, la celebre Grappa di Ramandolo della Distilleria Ceschia e il Caffè Illy.


Gli organizzatori consigliano di prenotarsi per tempo nei vari punti di ristorazione e dai vignaioli che partecipano all'iniziativa (sconti del 20% per chi si iscrive entro il 4 novembre).  Ulteriori informazioni sono disponibili QUI sulla pagina Facebook Oro di Ramandolo o telefonando al numero 338 4656394.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni