cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

è bello ed è gratis

Gemona città reale e immaginaria

A noi calvinisti appassionati, nel senso di fan di Italo Calvino, non solo della sua triologia "barone rampante, visconte dimezzato e cavaliere inesistente" ma soprattutto delle Città invisibili questo appuntamento di Gemona del Friuli sembra particolarmente attrattivo. Nell’ambito delle manifestazioni di “E_state in Centro”, l’Ecomuseo delle Acque propone un laboratorio teatrale suddiviso in due appuntamenti in programma sabato 14 e sabato 28 luglio 2018, a partire dalle 17 a Gemona nella piazzetta Celotti, quella tra il LAB Terremoto e via San Giovanni. A svolgere il laboratorio Terre in Moto. Gemona, le città nascoste, concepito all’interno del tessuto urbano e incentrato sul tema del paesaggio, è la compagnia Teatro della Sabbia. Caterina Comingio e Vincenzo Muriano, autori-guida del progetto, hanno sviluppato il loro percorso mettendo in stretta relazione diverse sfaccettature legate al paesaggio: quella interiore e cristallina di Italo Calvino nelle sue Città invisibili, quella intimista e sottile di Andrea Zanzotto nel suo Luoghi e paesaggi, e infine quella di Eugenio Turri che, in Il paesaggio e il silenzio, ne scandaglia la dimensione visibile e invisibile.

Lo scenario offerto da Gemona, città reale e immaginaria nella quale ne convivono altre - come Isaura, città dai mille pozzi e Olinda, città che cresce in cerchi concentrici - è il tracciato del gioco di relazione tra tematiche ecomuseali e teatrali, che verrà proposto al pubblico presente. Una “caccia al tesoro” con Gemona al centro, mentre il suo paesaggio nascosto sarà argomento di indagine, confronto e gioco teatrale. È un viaggio dell’immaginazione “dentro e fuori” gli spazi concreti della città, e soprattutto in quelli più lontani dallo sguardo quotidiano, per riappropriarsi di un’identità umana fatta di luoghi, segni, memorie.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni