cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Il senso della scoperta... da Marano Lagunare al Lacus Timavi

Sabato 21 aprile 2018 nella Vecchia Pescheria di Marano Lagunare, accarezzati da un sole piacevolmente caldo per la stagione, ho partecipato per qbquantobatsa al terzo appuntamento con gli approfondimenti collaterali alla mostra ''Il senso della scoperta. Testimonianze archeologiche dal mare e dalla terra nella Laguna di Marano'' ospitata al museo Archeologico della Laguna di Marano fino al 1 maggio 2018. Una straordinaria mostra che io ho avuto modo di visitare precedentemente e proprio la voglia di approfondire era alla base di questo interessante e istruttivo evento. Scendendo affascinata nel profondo delle acque attraverso le parole e le immagini dei relatori. Pubblico numeroso e attento ai dettagli e rivelazioni che al termine dell'incontro ha formulato diverse domande strutturate e utili per conoscere e incuriosirsi ulteriormente. Per scoprire un territorio, ora invaso dalla zona industriale di Monfalcone, composto da ville con all'interno mosaici raffinati e piccoli approdi privati a testimonianza di una vita vissuta in simbiosi con il mare, come ci ha raccontato l'archeologa Valentina Degrassi introducendoci alla conoscenza del '' Lacus Timavi''. 

Un territorio caratterizzato da corsi d'acqua, tre i più importanti, su cui vi erano altrettanti agglomerati abitati. Paesaggi e descrizioni che lasciano davvero senza parole. Sorprendente anche la descrizione dell'esperto di costruzione carpenteria e architettura navale attraverso i secoli nell'alto Adriatico. Moltissimi i reperti raccolti che oggi sono conservati e raccontano del nostro passato. Anche questo forse è il senso della scoperta, un patrimonio in fondo al mare che ci riconduce a noi stessi, imbarcazioni e modelli perfetti che sapevano navigare anche in condizioni difficili, uomini in balia delle onde tra anfore e ceramiche. Un relitto di una nave romana venuta alla luce nel 1972 nell'area Lisert Monfalcone ubicata presso le foci del Timavo porta alla luce verità e cultura.

Prossimo appuntamento Venerdì 27 aprile ore 17 con '' La storia delle reti . Lo studio del relitto di età Napoleonica Mercurio'' '' Pescare'' il passato e Conversazione sul tema ''Azione e buone pratiche per il recupero e la salvaguardia dei beni archeologici sommersi ''.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni