Skip to main content

Carnevale in Osteria 2023

carnevale in osteria covercarnevale in osteria cover

Carnevale in Osteria. Terza edizione. La Confesercenti Udine coordina il Comitato friulano difesa osterie e la Pro Loco Città di Udine nell’organizzazione di questo attedo appuntamento. Con entusiasmo il Presidente del Comitato Enzo Mancini ha voluto riprendere il discorso interrotto con gli osti e gli avventori per ridare slancio a questa iniziativa così gradita alla cittadinanza.

QUANDO SI SVOLGE

Da giovedì 16 a martedì 21 febbraio 2023 con l'immancabile appuntamento con renghe e polente mercoledì 22 febbraio.  

20 osterie del territorio proporranno un piatto e un calice di vino con offerte tipicamente friulane.

 

 

L’enogastronomia del Friuli negli ultimi anni punta sulla qualità delle proposte culinarie e del servizio alla clientela senza perdere nelle osterie la convivialità e la semplicità: genuinità nei cibi e nell’approccio umano. Questo il segreto del successo ritrovato e sempre crescente delle nostre osterie.

Nell’ info point di piazza 1° maggio a Udine troverete le brochure descrittive per scegliere l’itinerario enogastronomico preferito e mercoledì 15 nel Salone del Popolo del Comune di Udine avrà luogo la conferenza stampa di presentazione ufficiale dell’evento.
Si viodin in ostarie

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Alchimia cioccolatino con fave affinate nel balsamico

alchimia Acetaia storica Giusti e cioccolatiere Gianluca Fustoalchimia Acetaia storica Giusti e cioccolatiere Gianluca FustoALCHIMIA, IL CIOCCOLATINO NATO DALL’INCONTRO TRA GIANLUCA FUSTO E L'ACETAIA GIUSTI. Si chiama Alchimia ed è stato presentato in occasione del Congresso Identità Milano 2023 da Acetaia Giusti, la più antica acetaia del mondo, fondata a Modena nel 1605. Filo conduttore è l’affinamento delle materie prime all’interno delle botti storiche di Aceto Balsamico di Modena della famiglia Giusti, un processo che fin dall’origine fonde tra loro aromi, profumi e sapori.

alchimia in edizione limitataalchimia in edizione limitatacOME NASCE IL NUOVO CIOCCOLATINO 

Alchimia, il cioccolatino firmato dal cioccolatiere e pasticcere visionario Gianluca Fusto è realizzato con fave di cacao affinate all’interno delle botti di Balsamico ed è arricchito con Aceto Balsamico di Modena “Banda Rossa” Giusti. “Un cioccolatino che imprigiona profumi, sapori e aromi di una complessità nuova data da tre passaggi fondamentali:

1 l’affinamento del burro di cacao nella botte che ha contenuto l’Aceto Balsamico che gli consente di assimilare tutte le complesse note aromatiche maturate nel tempo

2 la trasformazione del cioccolato in ganache attraverso la lavorazione a mano che dona nuova vita alla materia prima

3 l'aggiunta finale di Aceto Balsamico di Modena “Banda Rossa” Giusti che va a riequilibrare e sviluppare le note di corpo caratteristiche.

l'elemento fondamentale, il tempo, attraverso il quale gli ingredienti maturano, si trasformano e prendono nuova vita” spiega Fusto. 

In pochi grammi sono racchiusi sapori, aromi e profumi che raccontano e valorizzano una storia centenaria. Sarà disponibile già per San Valentino nell’esclusivo cofanetto da nove pezzi in edizione limitata.

GRAN DEPOSITO ACETO BALSAMICO DI GIUSEPPE GIUSTI è il brand più rappresentativo tra gli Aceti Balsamici di qualità. Oggi la storica acetaia è guidata dalla 17esima generazione della famiglia 



 

 

 

FUSTO Milano è la prima pasticceria e cioccolateria speakeasy d’Italia dove creatività e innovazione si “emulsionano”: un labo-boutique milanese dove si creano pièces esclusive, torte di alta pasticceria e lievitati da ricorrenza oltre a una gamma sempre rinnovata di dragées, biscotti, marmellate, creme spalmabili e creazioni personalizzate. www.gianlucafusto.com

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Le Creuset presenta il nuovo colore Azure Blu

AZURE BLU COVERAZURE BLU COVERLe Creuset presenta Azure Blu, un nuovo blu brillante che evoca la sensazione di leggerezza dei cieli limpidi, su spiagge lontane. L'ultimo colore di Le Creuset prende ispirazione dai mari azzurri del Mediterraneo ed è ideato per esaltare ogni stile di arredo, con la sua eleganza e bellezza.

Fresca e affascinante, l’ultima colorazione di Le Creuset evoca momenti di convivialità all’aperto sotto cieli blu, e, allo stesso tempo, richiama situazioni di tranquillità in spazi interni, donando un senso di calma e di relax. Azure Blu, messo in risalto con la nitidezza del bianco o sfumato in uno scenario marino, stimola la creatività con accostamenti a diversi colori, sia a tavola che in cucina.

A comporre la collezione, vi sono accessori d’eccellenza come l’iconica Cocotte, in diverse forme, realizzata in ghisa vetrificata sia all’interno che all’esterno, frutto di una sapiente combinazione di pigmenti minerali naturali e frammenti di vetro, che garantiscono la massima durata e resistenza nel tempo. A completare la linea: casseruole in ghisa, piatti, macina sale & pepe, tazze, caffettiere in gres, dalle prestazioni elevate, che resiste a temperature da -18°C sino a +260 °C.

Azure Blu sarà disponibile a partire dal 1° febbraio 2023 nei negozi Le Creuset di Milano e Bologna, presso i rivenditori selezionati e sul sito ufficiale 

 

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Le strategie salvaeuri per fare la spesa risparmiando

carrello della spesacarrello della spesaLe strategie per fare la spesa risparmiando. Al primo posto c'è la lista della spesa per mettere sotto controllo gli acquisti d’impulso, che è diventata una abitudine per l’81% degli italiani. Al secondo posto troviamo lo slalom tra i negozi per cercare le offerte piu’ convenienti con l’83% che punta su prodotti in promozione; al terzo posto la scelta di andare direttamente al discount  (il 72% degli italiani). 

Sono queste alcune delle strategie salva tasche adottate in tempi di inflazione secondo lo studio Coldiretti/Censis sui comportamenti per far fronte al caro prezzi nel carrello favorito dai rincari energetici, con le difficoltà che si trasferiscono dai campi alla tavola lungo tutta la filiera, Così leggiamo su foodaffairs.it che vi invitiamo a seguire per l'articolo completo 

 

Le difficoltà delle famiglie si trasferiscono direttamente sulle imprese agricole dove l’aumento dei costi di produzione colpisce duramente l’intera filiera agroalimentare a partire dalle campagne dove più di 1 azienda agricola su 10 (13%) è in una situazione così critica da portare alla cessazione dell’attività, ma ben oltre 1/3 del totale nazionale (34%) si trova comunque costretta in questo momento a lavorare in una condizione di reddito negativo per effetto dei rincari” afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare l’esigenza di “raddoppiare da 5 a 10 miliardi le risorse destinate all’agroalimentare nel Piano nazionale di ripresa e resilienza spostando fondi da altri comparti per evitare di perdere i finanziamenti dell’Europa”.

Nell’ambito del Pnrr abbiamo presentato tra l’altro – precisa Prandini – progetti di filiera per investimenti dalla pasta alla carne, dal latte all’olio, dalla frutta alla verdura con più di 50 proposte e migliaia di agricoltori, allevatori, imprese di trasformazione, università e centri di ricerca coinvolti. Un impegno che – conclude Prandini – ha l’obiettivo di combattere la speculazione sui prezzi con una più equa distribuzione del valore lungo la filiera per tutelare i consumatori e il reddito degli agricoltori dalle pratiche sleali.

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Obbligo di stoviglie riutilizzabili nei fast food e luoghi di ristoro

contenitori usa e gettacontenitori usa e gettaObbligo di stoviglie riutilizzabili nei fast food e luoghi di ristoro con più di venti posti a sedere.  Accade in Francia dal 1° gennaio 2023 per l'entrata in vigore di una nuova legge, definita una Rivoluzione da molte associazioni ambientaliste.  Catene come McDonald’s, Starbucks e Burger King sono da mesi al lavoro per adeguarsi alle nuove norme.

Vi proponiamo l'articolo di foodaffairs.it che ringraziamo. 

La legge ha lo scopo di ridurre sensibilmente la quantità di rifiuti prodotta ogni anno nei fast-food francesi e per gli altri paesi dell’Unione Europea sarà un'anteprima, visto che nei prossimi anni si dovranno adottare regole simili per ridurre i rifiuti di plastica. 

I ristoranti con più di 20 posti a sedere i fast food, circa 30 mila punti di ristoro dovranno quindi fornire piatti, posate, tazze e bicchieri completamente riutilizzabili e lavabili. Le regole riguardano anche le mense e le caffetterie, ma interesseranno soprattutto i fast-food dato che servono quasi sempre il cibo in scatole, bicchieri e altri contenitori usa e getta.

Per motivi pratici e igienici, i contenitori non riutilizzabili potranno essere impiegati solamente per l’asporto e le consegne a domicilio, mentre saranno vietati per le consumazioni che avvengono direttamente all’interno del ristorante.

La legge prevede che i nuovi contenitori siano lavabili con un ciclo di lavastoviglie a 60 °C, che consuma meno acqua ed energia elettrica. Nei mesi scorsi i fast-food hanno per lo più sperimentato contenitori di plastica rigida, preferendo questo materiale ad altri che solitamente durano più a lungo come la ceramica e il metallo per le posate. Le nuove stoviglie di plastica potrebbero usurarsi velocemente, rendendo però necessaria la sostituzione dopo brevi periodi di utilizzo, con un impatto importante per l’ambiente.

 Alcune associazioni ambientaliste temono che i clienti non si fidino troppo della pulizia dei contenitori riutilizzabili, finendo col fare un maggior numero di ordini per l’asporto in modo da ottenere le confezioni usa e getta. Panini e altri alimenti possono essere serviti avvolti in un foglio o tovagliolo di carta, anche nel caso della consumazione sul posto, cosa che dovrebbe attenuare i problemi almeno in alcune tipologie di ristoranti.

La nuova legge ha reso necessari cambiamenti di non poco conto in molti fast-food, come trovare gli spazi adeguati per installare le lavastoviglie necessarie per pulire rapidamente grandi quantità di contenitori e posate. Nelle fasi di punta intorno all’ora di pranzo e cena, i fast-food servono centinaia di pasti in pochi minuti. I contenitori devono essere recuperati, lavati, asciugati e rimessi in servizio, operazione che per alcuni punti di ristoro renderà necessaria l’assunzione di nuovo personale.

Per chi non rispetta le regole sono previste sanzioni, ma al momento non è chiaro se e come le autorità condurranno i controlli. Alcune associazioni ambientaliste hanno pubblicato lettere aperte e appelli per chiedere alla popolazione di collaborare, segnalando e boicottando i ristoranti che non applicano le nuove regole.

 

 
  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Presepi FVG edizione 2022-2023

Presepio FVG Foto PetrussiPresepio FVG Foto PetrussiPRESEPI FVG: LA TRADIZIONE PRENDE FORMA. PRESENTATA L'EDIZIONE NATALE 2022-2023 nella sede della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia. Ricco di proposte il contenitore degli eventi natalizi del Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell'Unione nazionale Pro Loco d’Italia

"Mai come quest’anno - ha dichiarato il presidente del Comitato regionale Pro Loco Valter Pezzarini - il Natale deve essere un raggio di luce che illumina l’umanità; che faccia riflettere i governanti; che scaldi e porti un po’ di serenità alle popolazioni martoriate; un raggio di luce per accendere la speranza in ognuno di noi e nelle nostre Comunità. Natale è condivisione e impegno per costruire la pace".

Presepi FVG 2022 conferenza stampa Foto PetrussiPresepi FVG 2022 conferenza stampa Foto Petrussi

Sono intervenuti insieme al presidente Pezzarini anche Sergio Emidio Bini assessore regionale alle Attività Produttive e Turismo, Piero Mauro Zanin presidente Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia , Guido Nassimbeni vicepresidente della Fondazione Friuli, Mario Crosta direttore generale di Civibank, Feliciano Medeot direttore Società Filologica Friulana. Presenti anche alcuni dei presepisti protagonisti delle varie rassegne, tra cui Lorenzo Boemo di Grado e Fabio Mutton di Monfalcone.

 

"Il presepe - ha dichiarato Bini - rappresenta i valori dell’amore fraterno, dell’attenzione verso gli ultimi, della speranza, della pace. Valori fortemente radicati nella nostra gente, che in Friuli Venezia Giulia prendono forma grazie a una straordinaria e storica sapienza artigiana. La rassegna “Presepi FVG” ha il merito di tenere insieme queste due sfere: quella religiosa e tradizionale e quella propria del “saper fare”. Il risultato è un connubio unico, che non a caso quest’anno anima il Natale anche in piazza San Pietro a Roma, grazie al lavoro degli artigiani di Sutrio. Questo patrimonio di arte e tradizione ha un valore inestimabile: da un lato è testimonianza della nostra storia, dall’altro è un valore aggiunto per l’attrattività turistica. Lo dimostra l’innovativo sito web del Giro presepi, realizzato in collaborazione con PromoTurismoFVG".

 

CONCORSO PRESEPI NELLE SCUOLE


Il Concorso Scuole dell'Infanzia e Primarie del Friuli Venezia Giulia quest'anno è intitolato “Un Natale di Pace”. Si tratta della 18^ edizione. Parteciperanno 73 scuole, delle quali 34 per la prima volta.

 

GIRO PRESEPI FVG


Il rinnovato sito web presepifvg.it propone la 19^ edizione del “Giro Presepi FVG”, ovvero la mappa georeferenziata con 167 siti presepiali in Friuli Venezia Giulia (lo scorso anno erano 141). Sono 90 tra capoluoghi, frazioni e località i centri coinvolti (a fronte dei 78 dello scorso anno). I siti sono abbinati a utili indicazioni di quali siano fruibili liberamente nelle pubbliche piazze o chiese, mostre o esposizioni varie e quali siano adatti ai gruppi organizzati.

Questi ultimi sono al centro del progetto di turismo presepiale curato da PromoTurismoFVG “La magia del Natale in Friuli Venezia Giulia”, con 20 destinazioni coinvolte.

In totale si tratta di oltre 2100 Natività da ammirare durante le feste in Friuli Venezia Giulia nei citati 167 siti, suddivisi in 12 itinerari territoriali proposti:

Carnia (8 siti/iniziative); Cividale del Friuli e Valli del Natisone e del Torre (24); Friuli Collinare e San Daniele del Friuli (12); Gemonese (11); Gorizia, Collio e Monfalcone (8); Grado, Aquileia e Palmanova (12); Lignano Sabbiadoro (19); Montagna pordenonese (7); Pordenone e dintorni (27); Tarvisiano e Kanin (6); Trieste e Carso (4), Udine e dintorni (29). Da aggiungere a questo novero pure gli oltre 1000 presepi accolti all’interno del Museo del presepio di Trieste.

Sono 12 le novità di questo Natale 2022. In Carnia a Trelli di Paularo la rassegna “I Presepi di Giovanni”. Nell'itinerario Cividale del Friuli, Valli del Natisone e del Torre a San Pietro al Natisone, “Il Presepio di Borgo San Pietro”. Nel Friuli Collinare e San Daniele del Friuli a Nogaredo di Prato - Coseano “La luce dell'Angelo sulla Natività a Nogaredo”. A Grado, Aquileia e Palmanova a Felettis di Bicinicco “Il Villaggio di Natale a Felettis”. Nell’area di Lignano Sabbiadoro ci sono Ronchis con la sua mostra presepi in Piazza Trombetta e Palazzolo dello Stella con il Presepe Polesan. A Pordenone e dintorni novità a Villa D’Arco di Cordenons con la rassegna Presepi. Nel Tarvisiano c'è Malborghetto Valbruna con l’Advent Pur. Per Udine e dintorni ci sono Bertiolo con il Presepe in San Martino e Cussignacco di Udine con la prima edizione della mostra Presepi nella Sala dell'Oratorio della Chiesa di San Martino Vescovo. Infine nell'itinerario Trieste e Carso Muggia propone la mostra Presepi permanente in San Francesco e il presepe in Duomo.

 

NATIVITÀ IN SEDI ISTITUZIONALI


Esposizioni di Natività realizzate a mano da altri maestri presepisti saranno inoltre nelle sedi delle Istituzioni. A Trieste nella sede del Consiglio regionale e della Giunta regionale con 18 Natività realizzate dai maestri presepisti regionali (compreso quello della Pro Loco Venzone per il porticato esterno della Giunta) più due provenienti da Toscana e Veneto a testimoniare come il linguaggio universale del Presepe sia quello dell’unione tra realtà diverse. A Udine in Municipio saranno ospitate 4 opere, mentre 2 saranno presenti nella sede della Società Filologica Friulana, sempre a Udine.


“Presepi FVG” è un’iniziativa a cura del Comitato regionale del Friuli Venezia Giulia dell’Unione Nazionale Pro Loco d’Italia. Coordinamento e organizzazione Segreteria del Comitato regionale Pro Loco FVG.

 

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Ristampa del ricettario mitteleuropeo delle Orsoline

ricettario orsoline cover ph copertina Luigi Vitale

Ricettario mitteleuropeo Suor Antonija, Orsolina. Presentazione della ristampa del volume a Gorizia nella sala conferenza dei Musei di Borgo Castello il 14 dicembre alle 18.  Ristampato dall’Ente Regionale per il Patrimonio Culturale del Friuli Venezia Giulia in occasione del 350° anniversario dall’arrivo delle Madri Orsoline a Gorizia.

Il Ricettario Mitteleuropeo di Suor Antonija raccoglie 801 ricette che intrecciano tradizioni e culture dell’area centro-europea. Concepito non come manuale di cucina, bensì nella forma di un’articolata raccolta di ricette, il manoscritto fu custodito in un monastero sloveno prima di approdare a Gorizia, ai tempi della “cortina di ferro”.

Interverranno alla presentazione Carlo del Torre, Roberto Zottar e Michela Fabbro. Ingresso libero 

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Giulia Savino e i suoi gioielli al Cavò di Trieste

Giulia Savino gioiello mappaGiulia Savino gioiello mappa

Giulia Savino al Cavò di via San Rocco 1 a Trieste. La designer torinese di gioielli contemporanei, presenta  alcune sue recenti produzioni dedicate a Trieste e a Ponterosso Memorie, realizzate grazie alla collaborazione con Silvia Vatta (IG: Giadashop). Il 3 dicembre 2022 dalle 17 l'artista sarà presente alla mostra per incontrare i visitatori. 

Giulia Savino con la sua ricerca bene si inserisce in un mostra-installazione in cui l'elemento della mappa segna in vari punti l'allestimento ed è anche un mezzo per indagare la percezione della città da chi veniva in massa dalla Jugoslavia per lo shopping di jeans, caffe, bambole e oro, e ciò che rimane nella memoria dei testimoni e nei loro racconti.

Con il suo progetto 1:20.000, Giulia Savino, da anni lavora sul tema della città e della memoria realizzando le collane-mappe con i reticoli delle vie e delle strade che poi si plasmano sul corpo di chi le indossa.

Per questo progetto ha realizzato un pezzo unico dedicato a Trieste e la serie Ponterosso Memorie in cui riproduce una parte del Borgo Teresiano sulla quale ha inserito delle pietre colorate per segnare il tour nella Trieste dei jeansinari: Piazza Libertà, Piazza Ponterosso, Piazza S. Antonio, Piazza Goldoni, Largo Barriera e Piazza Garibaldi.

Giulia Savino mappa. Ponterosso MemorieGiulia Savino mappa. Ponterosso Memorie

Ponterosso Memorie: la mostra è aperta fino al 10 gennaio 2023 da martedì a sabato 17 - 19.30

 

da un'idea di Wendy D'Ercole e Massimiliano Schiozzi

promosso e realizzato da Cizerouno nell'ambito del progetto Varcare la frontiera: Ponterosso Memorie

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Il presepio di Sutrio dal 3 dicembre a piazza san Pietro

presepe sutrio in vaticanopresepe sutrio in vaticanoIl Presepe di Sutrio dal 3 dicembre 2022 sarà visibile in Piazza San Pietro, a Roma, con le sue 18 statue disposte su una superficie di 116 metri quadrati, illuminate da 50 punti luce: è il Presepe del Natale 2022 in Vaticano.

La culla de Bambino Gesù è realizzata con le radici degli alberi spezzati dalla tempesta Vaia. Profumerà di legno di cedro delle 18 statue ed è realizzato da un team di artisti ed artigiani del legno che da decenni sono attivi sul territorio, a Sutrio e in tutta la regione. Un’ispirazione che troverà composizione unitaria nello scenografico e policromo intarsio dedicato alla Pace, apposto sotto la Natività: il messaggio – la scritta PAX – è stato realizzato dai marmisti Giuliano Borchi e Massimo Borchi con tutte le tipologie di pietre del Friuli Venezia Giulia, dal Carso alla Carnia, da Cividale alle Dolomiti friulane, all’area del pordenonese.

Scopri chi sono gli undici artisti 

 

Il Comune di Sutrio, suggestivo borgo di poco più di 1200 abitanti, vanta una radicata tradizione dell’artigianato del legno. Il progetto del Presepe di Sutrio è sostenuto dalla Regione autonoma Friuli Venezia Giulia e PromoTurismoFVG, d’intesa con l’Arcidiocesi di Udine. Il Presepe resterà visitabile per tutti i fedeli in Piazza San Pietro a Roma, fino all’Epifania 2023. Successivamente sarà allestito in via permanente a Sutrio.

Vuoi sapere qualcosa di più su Sutrio? Clicca QUI 

presepe di Sutrio in Vaticanopresepe di Sutrio in Vaticano

L’inaugurazione è in programma sabato 3 dicembre, alle 17, con streaming live sulla TV Vaticana e altre reti e canali internazionali. Due brani del Coro Polifonico di Ruda (UD) accompagneranno la cerimonia dell’accensione delle luci e, poco prima dell’intervento delle autorità, il fisarmonicista Andrea Nassivera eseguirà un brano in diretta. Per tutto il periodo di esposizione del Presepe sarà diffusa una colonna sonora con brani natalizi e tradizionali, alcuni dei quali realizzati dal Coro di Ruda e da altri artisti del Friuli Venezia Giulia.

Sempre in occasione della cerimonia inaugurale, alcuni doni saranno consegnati a Papa Francesco dalla delegazione di Sutrio, Friuli Venezia Giulia: un paio di scarpez, calzatura tipica tradizionale della Carnia e del Friuli fatte a mano; una coperta di lana bianca lavorata a ferri e ricamata con la scritta " Mandi", il saluto tradizionale friulano che deriva dal latino "Mane Deus" ovvero rimani nelle mani di Dio; un Cristo in legno intagliato dall'artista Isaia Moro, fra gli artisti che hanno realizzato il Presepe di Sutrio; una tovaglia da altare ricamata a mano dalle donne dell'associazione "Sutrio ricama"; una sciarpa di lana bianca, realizzata dai ragazzi della Cooperativa Davide; una raccolta fotografica "i ragazzi del 99", della fotografa Ulderica Da Pozzo.

IL PRESEPE DI SUTRIO, NATALE 2022 IN PIAZZA SAN PIETRO

Il Presepe di Sutrio è stato concepito con grande attenzione ai valori della sostenibilità: nessun albero è stato abbattuto per fornire la materia prima: se la struttura complessiva è stata realizzata con 24 metri cubi di legno di larice, certificato Friuli Venezia Giulia, proviene dalle risorse dei vivaisti attivi nei giardini pubblici o privati del comprensorio il legno utilizzato per le 18 statue: l’essenza di cedro veniva piantumata più di cent’anni fa.

Come già sopra scritto saranno 18 le statue del Presepe di Sutrio, tutte di dimensione realistica: ogni personaggio brillerà grazie al progetto di light design curato e donato da Skirà. Complessivamente, il Presepe peserà 16,8 tonnellate. L’estensione della superficie della Grotta, sotto la cupola alta 5,65 metri, sarà di 41 metri quadrati. La superficie del palco sottostante sarà di ulteriori 75 metri quadrati. Le figure sono state scolpite attraverso la tecnica classica del levare, usando attrezzature meccaniche per la sgrossatura (motoseghe), scalpelli, sgorbie e raspe per le finiture manuali. La cifra stilistica e plastica delle sculture è risultata una sintesi delle esperienze figurative del gruppo di scultori che hanno preso parte al progetto. La Grotta è stata realizzata con tecniche moderne in legno lamellare autoportante.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Conoscete gli artisti del Presepe di Sutrio Natale 2022?

Sutrio in piazza san Pietro Sutrio in piazza san Pietro

GLI ARTISTI DEL PRESEPE DI SUTRIO, NATALE 2022

Stefano Comelli, direttore artistico del progetto, triestino classe 1968, vive e lavora a Versa di Romans d’Isonzo, Gorizia.

Padre Gianni Bordin, frate Cappuccino dal 1985, è sacerdote dal 1991. Parallelamente agli studi in seminario ha praticato diversi stages in Valle Aurina (BZ) per imparare la tecnica deII’intagIio.

Andrea Caisutti, di giorno progettista meccanico e scultore la sera e nel tempo Iibero. Nato a Udine nel 1967, casa e atelier nella vicina Percoto, opera costantemente fra tecnologia e arte. 

Corrado Clerici è nato nel 1951 a Forni di Sopra (Udine), vive e lavora nelle Dolomiti Friulane, per lui fonte di ispirazione e di passione sportiva. Non scolpisce solo ii legno ma anche neve e ghiaccio. 

Paolo Figar, scultore e pittore goriziano classe 1968, si è laureato in pittura all’Accademia di Belle Arti di Venezia nel 1992. E’ docente di Arte presso le scuole secondarie

Arianna Gasperina è nata a Pordenone nel 1978, dal 1999 ha intrapreso la frequentazione di Simposi anche di carattere internazionale sia su legno che su pietra. 

Isaia Moro, nativo di Sutrio, classe 1973,  ha frequentato la bottega di Straulino Gaudenzio “Teno”, allora impegnato nel grande progetto del Presepe. Lavora nella sua bottega di Sutrio.

Martha Alberta Muser, milanese, ha studiato all’Accademia di Belle Arti di Brera, appassionandosi anche a incisione, affresco, ceramica, fusione del bronzo e scultura. Dal 2009 vive a Timau,

“Sasha” Oleksander Shteyninher, ucraino, è laureato in ingegneria meccanica, specializzandosi nella lavorazione al taglio dei metalli. Vive in Italia dal 1999.

Hermann Plozzer nasce a Sauris nel 1966. Dallo scultore Feliciano Costa apprende varie tecniche, lavorare legno, ghiaccio, pietra. Ha collabora al recupero degli stucchi di gesso dei palazzi del Cremlino. 

Renato Puntel, nato a Paluzza nel 1955, lavora principalmente in Austria. Ha frequentato la scuola di scultura su legno a Ortisei in Val Gardena Ha recitato nel film del regista Olmi  “Il segreto del bosco vecchio”.

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .

Mirabilia capolavori a confronto (orecchini ellenistici)

mirabilia orecchini pugliesimirabilia orecchini pugliesi

Ammirate la bellezza! MAN Museo archeologico nazionale di Aquileia | Via Roma, 1. Giovedì 17 novembre 2022 alle ore 11.30 inaugurazione del secondo appuntamento di MIRABILIA. CAPOLAVORI A CONFRONTO. Gli orecchini ellenistici di Taranto e di Bari.

 Il progetto "Mirabilia" intende attivare un dialogo con importanti istituzioni museali italiane. L’iniziativa prevede, infatti, un ciclo di mostre dedicate a oggetti unici per la qualità e lo straordinario stato di conservazione. Fino al febbraio 2023 saranno esposte cinque paia di orecchini in oro provenienti dal Museo archeologico nazionale di Taranto e dal Museo archeologico di Santa Scolastica di Bari.

 

  • Creato il .
  • Ultimo aggiornamento il .
Privacy Policy