cibo, vino e quantobasta per essere felici

Vestire la voce, in mostra abiti da scena

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Abiti di scena nelle collezioni del Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl" di Trieste, aperto d'estate dalle 20 alle 24. Martedì 5 luglio 2016 ha avuto luogo l'apertura  in orario serale, nella sede di Palazzo Gopcevich (Via Rossini, 4), con la  proposta di visite guidate, eventi musicali, approfondimenti, incontri e la mostra «VESTIRE LA VOCE: abiti di scena nelle collezioni del Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl”».  La ricca collezione di costumi dello “Schmidl”, parzialmente esposta a rotazione nell'ambito del percorso espositivo permanente del Museo, è  al centro della mostra allestita nel periodo estivo presso la Sala “Attilio Selva” al piano terra di Palazzo Gopcevich, visitabile fino a domenica 9 ottobre con orario feriale e festivo 10-18 con biglietto di ingresso al Museo. Nella foto Costume di scena di Fedora Barbieri, disegnato da P. Clapera e realizzato dalla Sartoria Idarella (Roma) per il personaggio di Leonora dii Guzman in «La favorita» di Gaetano Donizetti

Il percorso coniuga l'attenzione alla qualità degli abiti a quella per la storia del teatro musicale, attraverso alcuni suoi protagonisti sulla scena: il baritono Giuseppe Kaschmann (Lussinpiccolo 1850 – Roma 1925); i soprani Ida Quaiatti (Spalato 1890 – Venezia 1962), Rina Pellegrini (Caserta 1918 – Trieste 2002) e Elena Souliotis (Atene 1943 - Firenze 2004); i tenori Enzo De Muro Lomanto (Canosa di Puglia 1902 – Napoli 1952) e Rodolfo Moraro (Capodistria 1908 – Trieste 1994), i mezzosoprani Fedora Barbieri (Trieste 1920 – Firenze 2003) e Lucia Valentini Terrani (Padova 1946 - Seattle 1998). L'esposizione è l'occasione per riascoltare, anche in un calendario di iniziative collaterali, le voci di una serie di cantanti che hanno scritto con le loro interpretazioni e con le loro registrazioni discografiche capitoli fondamentali della storia della vocalità del Novecento e che si ritrovano idealmente riuniti sotto il tetto dello “Schmidl” attraverso i loro costumi personali, indossati sui palcoscenici del mondo intero.

Giovedì 7 luglio  concerto vocale «Aspettando il Barbiere di Siviglia», con la compagnia di canto dell’edizione dell’opera rossiniana in scena al Castello di San Giusto nella serata di giovedì 7 luglio per il Piccolo Festival del Friuli Venezia Giulia. A seguire (ore 22.30), la visita guidata alla mostra VESTIRE LA VOCE, a cura di Stefano Bianchi.

Le proposte in programma sono gratuite per i visitatori in possesso del normale biglietto di ingresso al Museo (intero euro 4,00; ridotto euro 3,00; gratuito per i bambini fino a 6 anni non compiuti).


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.