cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Vestire la voce, in mostra abiti da scena

Abiti di scena nelle collezioni del Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl" di Trieste, aperto d'estate dalle 20 alle 24. Martedì 5 luglio 2016 ha avuto luogo l'apertura  in orario serale, nella sede di Palazzo Gopcevich (Via Rossini, 4), con la  proposta di visite guidate, eventi musicali, approfondimenti, incontri e la mostra «VESTIRE LA VOCE: abiti di scena nelle collezioni del Civico Museo Teatrale “Carlo Schmidl”».  La ricca collezione di costumi dello “Schmidl”, parzialmente esposta a rotazione nell'ambito del percorso espositivo permanente del Museo, è  al centro della mostra allestita nel periodo estivo presso la Sala “Attilio Selva” al piano terra di Palazzo Gopcevich, visitabile fino a domenica 9 ottobre con orario feriale e festivo 10-18 con biglietto di ingresso al Museo. Nella foto Costume di scena di Fedora Barbieri, disegnato da P. Clapera e realizzato dalla Sartoria Idarella (Roma) per il personaggio di Leonora dii Guzman in «La favorita» di Gaetano Donizetti

Il percorso coniuga l'attenzione alla qualità degli abiti a quella per la storia del teatro musicale, attraverso alcuni suoi protagonisti sulla scena: il baritono Giuseppe Kaschmann (Lussinpiccolo 1850 – Roma 1925); i soprani Ida Quaiatti (Spalato 1890 – Venezia 1962), Rina Pellegrini (Caserta 1918 – Trieste 2002) e Elena Souliotis (Atene 1943 - Firenze 2004); i tenori Enzo De Muro Lomanto (Canosa di Puglia 1902 – Napoli 1952) e Rodolfo Moraro (Capodistria 1908 – Trieste 1994), i mezzosoprani Fedora Barbieri (Trieste 1920 – Firenze 2003) e Lucia Valentini Terrani (Padova 1946 - Seattle 1998). L'esposizione è l'occasione per riascoltare, anche in un calendario di iniziative collaterali, le voci di una serie di cantanti che hanno scritto con le loro interpretazioni e con le loro registrazioni discografiche capitoli fondamentali della storia della vocalità del Novecento e che si ritrovano idealmente riuniti sotto il tetto dello “Schmidl” attraverso i loro costumi personali, indossati sui palcoscenici del mondo intero.

Giovedì 7 luglio  concerto vocale «Aspettando il Barbiere di Siviglia», con la compagnia di canto dell’edizione dell’opera rossiniana in scena al Castello di San Giusto nella serata di giovedì 7 luglio per il Piccolo Festival del Friuli Venezia Giulia. A seguire (ore 22.30), la visita guidata alla mostra VESTIRE LA VOCE, a cura di Stefano Bianchi.

Le proposte in programma sono gratuite per i visitatori in possesso del normale biglietto di ingresso al Museo (intero euro 4,00; ridotto euro 3,00; gratuito per i bambini fino a 6 anni non compiuti).

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni