fbpx
cibo, vino e quantobasta per essere felici

Peppe Servillo è Carlo Saporito

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Peppe e Toni Servillo in Le voci di dentro, courtesy ph: F. EspositoPeppe e Toni Servillo in Le voci di dentro, courtesy ph: F. EspositoVincitore del prestigioso premio “Le maschere del Teatro” categoria miglior attore non protagonista: Peppe Servillo per “Le voci di dentro”. Un riconoscimento emozionante per il front man degli Avion Travel, che diventa Carlo Saporito in questo testo visionario e “commedia nera” elegantemente popolare di Eduardo De Filippo. Duettando mirabilmente con il fratello Toni Servillo, fratello anche nella finzione scenica e regista dello spettacolo, che si svolge in una cucina quasi surreale e più che minimalista, dove la fame di maccheroni è simbolo di miseria anche morale. “La scelta di mettere in scena questo spettacolo,
ci spiega Peppe Servillo con cortesia assoluta nel corso di un’intervista telefonica, non è stata casuale; né occasionale è stata la decisione di interpretare, da fratelli, i due fratelli Saporito nell'opera teatrale di Eduardo De Filippo. Certamente la nostra complicità di storia familiare si è riverberata nel testo, ci ha permesso di metterci al servizio del testo stesso, assecondando grazie al vissuto personale il senso
della storia”. Qual è il suo rapporto con il cibo, gli chiediamo. Scopriamo che non è vorace, evita tanti cibi usuali nella sua terra d’origine, la Campania, non ama il pesce, predilige le verdure. Ma considera la tavola momento essenziale di affetto e sentimento. Perciò ama molto il vino. “È a un tavolo con i
bicchieri colmi di vino che si impara a stare insieme”, afferma. Conosce abbastanza il Friuli per essere venuto spesso a suonarvi con gli Avion: conosce perciò i vini friulani, li considera un simbolo della nostra civiltà e della nostra cultura. Praticamente è uno di noi! Non ci resta che andare a vederlo a Teatro e applaudirlo!
Siamo davvero onorati di essere partner di questa nuova iniziativa!
Il Teatro Nuovo Giovanni da Udine e il mensile qbquantobasta
invitano golosi e curiosi a chiacchierare di ricette e di spettacoli,
di metafore culinarie e di piatti fumanti, di identità, seduzioni,
aggressioni, azioni nobili o malvage... Si parte martedì 19 novembre
alle 17.30 nel Foyer del Teatro, parlando di pizza “di alta
cucina” e delle Voci di Dentro di Eduardo De Filippo, spettacolo
diretto da Toni Servillo e da lui interpretato assieme al fratello
Peppe. Si proseguirà mese dopo mese, con incontri correlati
alla stagione di Prosa del Teatro Nuovo Giovanni da Udine. Lavorare
con sensibilità gli ingredienti per un piatto che rispecchi
tradizione e innovazione, equilibrio e stupore dei sensi è un
processo creativo molto simile a quello che permette di creare
uno spettacolo di successo: testo, attori, scenografia e pubblico
sono gli ingredienti per imbandire le tavole del palcoscenico a
opera del regista–cuoco che sapientemente mixa gli ingredienti...


Copyright © 2009-2021 QUBI' Editore
Riproduzione riservata