cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Natale nella Casa del sole

 

Quest’anno per le feste vi porto in un luogo incantato: il B&B La Casa del Sole del giovane conte Augusto Romano. Nella magia delle antiche mura, ci riceve con aristocratica semplicità, mentre il fuoco crepita
nel vecchio fogolâr. La tavola imbandita è come una sinfonia, dove al posto delle note parlano i colori e le forme, che raccontano come possiamo ottenere suggestioni natalizie anche con dettagli insoliti. Il bel tavolo antico è abbigliato con due tovaglie: quella di base, di colore azzurro cielo; sopra quella bianca, antica e delicatamente damascata, a creare una tela sulla quale fare risaltare la mise en place. I bicchieri di cristallo molato e intagliato a mano con il bordo azzurro sono posati sopra i piatti, alla maniera francese. I delicati piatti Limoges di fine Ottocento, con bordo di colore rosa, poggiao su un sottopiatto d’argento anch’esso dell’Ottocento e ci riportano a epoche lontane.



 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le antiche posate San Marco in argento (le forchette mantengono ancora tre rebbi) sono adagiate al loro fianco: coltello e cucchiaio a destra, forchette a sinistra. Le posate da dessert trovano posto sopra i piatti.Zuppiere e legumiere d’argento magnificamente cesellate si accompagnano a inaspettati piccoli galli di vetro colorato che fanno da segnaposto. L’aperitivo verrà servito in leggiadri bicchieri di Venini degli anni ’20 del secolo scorso posati su sottobicchieri d’argento di metà Ottocento. I loro colori, rosso e oro, si combinano all’effetto meraviglia dei galli in vetro di Murano lavorato a mano al centro tavola che “vestono” tutte le nuance con le quali è stato disegnato l’elegante desco. La nostra sinfonia è iniziata dal bianco e azzurro della tovaglia, passando per la delicatezza della porcellana rosa; la luce del cristallo e dell’argento ci ha accompagnato con allegrezza all’esplosione di colori dell’inusuale centrotavola. Grazie Augusto, per averci regalato questo viaggio attraverso la magia e l’eleganza della tua casa!

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.