cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Mughetto, un fiore nel vaso di cioccolato

La festa del Primo maggio in Francia ha due origini e due storie. Una risale al XVI secolo, l'altra ritrova le sue origini nell'America di fine Ottocento. Una è dedicata a un fiore, l'altra a tutti i lavoratori. La leggenda del 1500 è legata al mughetto, nome scientifico Convallaria majalis, fiore orginario del Giappone, ma diffuso in tutta Europa nel Medioevo. Denominato in alcune lingue "Lacrime di Maria" appare spesso nei dipinti religiosi ai piedi di Maria prostrata davanti al Figlio in croce. Piccolo fiore apparentemente umile e discreto, in  reatà cela qualità nascoste e legate a miti e magie. Timidido, timido spunta con  le sua campanelline bianche a inizio primavera  per annunciare l'arrivo delle belle giornate, attira gli sguardi con la sua forma snella ed elegante, il suo delizioso profumo è delicato e avvolgente un vero invito ad annusarlo e coglierlo, ma... attenzione: l'apparenza inganna. Tanta purezza e fragilità sanno come difendersi: se ingerito è tossico e in alcuni casi persino mortale. Meglio quindi lasciarlo lontano da bimbi e animali.
I Celti lo consideravano magico ma anche simbolo di buon augurio. Greci e Romani l'associarono al mito di Apollo e di Flora. Ma fu il re Carlo IX che istituzionalizò in Francia l'omaggio del mughetto come portafortuna. Nel 1561 nel suo viaggio per raggiungere Reims, dove sarebbe stato incoronato re il 5 maggio, si vide offrire un mazzetto di mughetti come buon augurio. Sorpreso, decise di riprendere questa tradizione ogni anno e di offrire alle dame della corte un rametto di questi fiori bianchi simbolo di fortuna. L'abitudine si diffuse rapidalmente riscontrando un grande successo in ogni dove. Quando le  feste danzanti erano comuni in tutte le campagne, artisti e personaggi dello spettacolo dedicarono al mughetto poesie e canzoni. Per rendere più dolce il dono, dopo la Seconda Guerra mondiale con la riscoperta del cioccolato, pasticceri e cioccolatai  iniziarono a vestire i rametti  di fiori con vasi di croccante cioccolato nero riempiti di morbida mousse: un successo! Dopo il cioccolato pasquale in Francia il Primo maggio è un altro grande momento dolce tutto da gustare.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni