cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Le borse di Momò

Coffa di palma nanaCoffa di palma nana

Ho conosciuto Monica Cosmai un anno fa e mi sono subito innamorata delle sue coffe in paglia di palma nana intrecciata, di tradizione siciliana, così ricche di trame preziose, bijoux vintage raccolti nei suoi viaggi, raffinata passamaneria, colori vibranti ed evocativi: un po’ BB a St. Tropez, un po’ Jacky a Capri, un po’ tutte noi a Mondello. L'articolo è stato pubblicato sul numero di aprile 2019 del mensile qbquantobasta.it

Gestivo una piccola second hand-boutique ed, entusiasta, ho subito organizzato un evento per presentarle alle mie clienti. Un successo. Monica è nata a Sarzana, papà lussiniano e mamma toscana, ed è stata insegnante di Lettere. L’amore per i viaggi lo deve al padre, capitano di marina. L’amore per la Sicilia ha radici lontane. Aveva 9 mesi quando andò a Palermo a conoscere il padre, che, al momento della sua nascita, navigava nelle Americhe. La sua famiglia aveva dato aiuto a una persona di Bagheria dopo la fine della seconda guerra mondiale ed era quindi cominciata una frequentazione con questi nuovi amici siciliani. 

Monica si ricorda piccina, seduta su uno sgabello di legno a osservare le donne riunite a preparare caponata, arancine, sarde a beccafico. E poi le strade assolate, i mercati, le pasticcerie. Un amore grande, che si traduce ora nel suo artigianato, quasi celebrativo della sicilianità, senza rinunciare a una chiave più contemporanea, a contaminazioni e libere interpretazioni della foggia più tradizionale delle coffe siciliane, appunto.

Le tipiche ceste ottenute dalla “curina”, la parte tenera e resistente delle foglie di palma nana siciliana, originariamente usate in attività agricole, come contenitore per il foraggio dei cavalli o per il materiale pagina 61 di qbquantobasta aprile 2019pagina 61 di qbquantobasta aprile 2019da trasportare su asini e muli. Pezzi unici di grande originalità, praticità e bellezza: da mare e da città.

Costo fra i 70 e i 240 euro a seconda delle dimensioni, della ricchezza di bijoux, tessuti e passamaneria. 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni