cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

La tavola di Natale

Ogni mese sul nostro mensile cartaceo pubblichiamo la pagina del Galateo. Sul numero di dicembre qualche consiglio per una tavola semplice elegante e originale.  Quello che durante l’anno ad alcuni pare un vezzo, a Natale diventa un piacere necessario. Nel clima festoso, anche allestire la tavola in modo speciale è una gioia. Ogni piccolo dettaglio crea un’atmosfera di calore, allegria, intimità, eleganza. Togliete dunque dall’oblio degli armadi le vostre cose più preziose; la tovaglia più bella, forse quella della nonna o della prozia, lavatela e stiratela alla perfezione. Prendete le posate d’argento o quelle più importanti, che usate raramente. Assicuratevi che piatti e bicchieri non siano sbeccati e che siano brillanti. Generalmente, i pranzi e le cene delle feste richiedono vasellame classico, ma è perfetto anche un lineare servizio
contemporaneo. Se vi piace il sottopiatto, tenete presente che occupa molto spazio e sarebbe meglio usarlo su tavole piuttosto grandi. Piatti e posate dovrebbero essere dello stesso numero delle portate. La fondina si dovrebbe usare solo per le minestre e i primi in brodo, mentre il riso e i primi asciutti andrebbero serviti in piatti piani, ma una fondina non troppo profonda sostiene bene anche morbidi risotti e piatti elaborati di pasta. Per il prossimo Natale ho pensato a un’apparecchiatura bianca. Il candore mi riporta alla mente la neve. La brillantezza dei cristalli mi fa pensare al ghiaccio: dunque perché non ricreare l’atmosfera del bosco subito dopo una nevicata? E allora il centrotavola diventa il verde che fa capolino dove la neve si scioglie; i segnaposto di vetro ricordano pezzetti di ghiaccio e le candele simulano i raggi di sole che illuminano la neve emanando bagliori. Palle trasparenti e animaletti rallegrano la scena. Piatti bianchi, posate classiche, calici di cristallo per il vino, bicchieri per l’acqua verdi, come il centrotavola. Non scordate le salierine! Buon Natale!

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.