cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

L’arte si fa libro. Capolavori illustrati del Novecento

Alla Tipoteca Italiana di Cornuda (TV) sono in esposizione opere di un periodo compreso tra il 1890 e gli anni '30 del secolo scorso, durante il quale fu massimo lo splendore dell'arte del libro illustrato moderno. Questi decenni sono caratterizzati dall’avvicendarsi di grandi movimenti artistici internazionali (Art Nouveau, futurismo, espressionismo, Déco) che lasciano impronte indelebili nella memoria e cultura visiva europea.


La mostra allestita grazie alla collaborazione di Grafiche Antiga nella  sala Galleria della Tipoteca, offre al pubblico la possibilità di ammirare opere editoriali di qualità impareggiabile, considerate veri monumenti artistici, in cui la maestria artigianale di illustratori, tipografi e legatori ancora prevale sull’inarrestabile diffusione di processi fotomeccanici. L’avvento della cromolitografia, d’altro canto, aveva permesso una vera e propria esplosione del colore nel variegato mondo dell’editoria e della stampa: in questi anni, dominano la scena manifesti e libri illustrati da artisti prestati alle arti grafiche.


Tra i vertici della produzione editoriale spiccano i libri illustrati francesi con artisti ed editori del calibro di George Barbier (1882-1932) e François-Louis Schmied (1873-1941), ma la produzione si diffonde in quasi tutto il continente: arte e bellezza travalicano i confini di lingue e stili. Così, le incisioni di Max Klinger impreziosiscono Amor und Psyche, edito a Monaco nel 1880, e Alphonse Mucha si presta a illustrare Ilsée, Princesse de Tripoli a Praga (1901). In Italia,lo xilografo Adolfo De Carolis adorna i testi di Gabriele D’Annunzio editi dai Fratelli Treves, e Duilio Cambellotti colora le favole di Trilussa.

La mostra ci fa entrare in un universo immaginario vivace, ricco di colori, con incursioni nella dimensione del sogno, del mito e della fantasia. In esso convergono la potenza visionaria di artisti, il gusto raffinato di editori e autori, la qualità di autentici maestri e cultori dell’arte del libro.
Ingresso euro 5,00 // Orari: lunedì-sabato 9.00-13.00 / 14-18.

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)