cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Conferenze per Guerra e Moda a Gorizia

Tre conferenze dedicate al ruolo della donna nella storia a cavallo tra fine Ottocento e la fine della Grande Guerra accompagneranno l’ultimo periodo della mostra “Guerra e Moda – L’alba della donna moderna” (la mostra chiuderà il prossimo 8
marzo 2017). Tre appuntamenti nei quali quattro studiose, Ariella Verrocchio, Direttrice scientifica dell’Istituto Livio Saranz, Margherita Rosina e Enrica Morini, storiche del tessile e della moda, e Marta Verginella, storica, docente di Storia dell’Ottocento e Teoria della storia Università di Lubiana, permetteranno di approfondire attraverso elementi di riflessione diversi l’influenza e la posizione delle donne nel periodo che precedette la prima Guerra e nel periodo bellico. Lavoro, moda, consapevolezza, impegno. Un viaggio che narra una trasformazione arrivata in silenzio che, passata la guerra, verrà in parte riassorbita, ma che nel profondo cambierà per sempre l’ordine precostituito.

Le conferenze si terranno presso la Sala conferenze dei Musei Provinciali, Borgo Castello 13 a Gorizia. Mercoledì 22 febbraio alle  18.00 Ariella Verrocchio – Direttrice scientifica Istituto Livio Saranz parlerà “Trasformazioni dell'occupazione femminile italiana tra fine Ottocento e Grande Guerra”

Giovedì 2 marzo sempre alle 18.00 Margherita Rosina e Enrica Morini - storiche del tessile e della moda parleranno di "La guerra, le donne, la moda. Tessuti e riviste"

Mercoledì 8 marzo alle 18.00 Marta Verginella – storica, docente di Storia dell’Ottocento e Teoria della storia Università di Lubiana “Donne in guerra e voci di donne nella grande guerra.”

Ariella Verrocchio è direttrice scientifica dell'Istituto "Livio Saranz" di Trieste. I suoi principali interessi di studio e ricerca sono negli ultimi tempi incentrati sulle trasformazioni del mondo del lavoro in prospettiva storica e di genere. Tra le sue ultime pubblicazioni: la cura dei volumi Il lavoro femminile tra vecchie e nuove migrazioni. Il caso del Friuli Venezia Giulia (con Paola Tessitori, Ediesse, 2009), Il lavoro cambia (con Elisabetta Vezzosi, Edizioni Università di Trieste, 2013); Di condizione precaria. Sguardi trasversali, tra genere, lavoro e non lavoro (con Luca Salmieri, Edizioni Università di Trieste 2015)

Guerra e Moda
L’alba della donna moderna
Borgo Castello 13,
Museo della Moda e delle Arti Applicate e Museo della Grande Guerra
30 giugno 2016 - 8 marzo 2017
orario 9.00 – 19.00
chiuso il lunedì
Informazioni 0481 - 533926
Biglietto: 6 euro
(comprende la visita al Museo della Moda e della Arti applicate e al Museo
della Grande Guerra. Con 1 euro in più si può visitare la Pinacoteca di Palazzo
Attems dove attualmente è anche esposta la Sala da Pranzo di Giacomo Balla)

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)