cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

BRUNO BOZZETTO ospite del Visionario e di Cinemazero

Mercoledì 16 novembre 2016 per l'attesissimo "Bozzetto non troppo" saranno presenti a Udine e Pordenone Bruno Bozzetto, uno dei più grandi cartoonist del mondo, e il regista Marco Bonfanti, uno dei migliori registi della next generation italiana, incontreranno il pubblico di Udine al Vsionario alle 20.00 e quello di Pordenone al termine della proiezione delle 21.00.

Dopo gli applausi all’ultimo Festival di Venezia, Bozzetto e Bonfanti racconteranno i segreti di un film in cui lo stesso Bozzetto guida gli spettatori dentro il suo universo professionale e privato. Entreremo, dunque, nella sua casa e nel suo studio. Conosceremo la sua famiglia, i suoi animali, i suoi amici, i suoi collaboratori. Ci farà ammirare da vicino, ovviamente, il suo lavoro: titoli e personaggi memorabili, da West and Soda all’irresistibile Vip – Mio fratello superuomo.

«In Italia, quando presenti un progetto, spiega Bozzetto, ti senti sempre chiedere per quale fascia d’età l’ha pensato. Ma io non penso a dei progetti ragionando sull’età di chi dovrà vederli, mi preoccupo di fare un bel film che possa piacere a tutti. Credo che questo dipenda molto anche dal modo in cui ho esordito: giravo film che facevo poi vedere ai miei compagni di liceo, e in fin dei conti il mio riferimento è sempre rimasto quello. Il mio pubblico è composto ancora oggi in gran parte da giovani di una certa cultura e che sanno apprezzare l’ironia».



Quell’ironia e quello stile, davvero inconfondibili, che hanno portato il papà del Signor Rossi ad avere milioni di ammiratori (tra cui John Lasseter della Pixar) ai quattro angoli del pianeta, a collezionare premi su premi (tra cui un Orso d’Oro e una candidatura all’Oscar) e ad affiancare i sacri nomi di Miyazaki, Nick Park e Matt Groening nell’Olimpo dei cartoonist.  

 

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)