cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Babbo Natale sta leggendo la letterina di Bonati

Babbo Natale sta leggendo le richieste di Emanuele BonatiBabbo Natale sta leggendo le richieste di Emanuele Bonati

Seconda puntata della letterina a Babbo Natale (la prima la potete leggere qui Letterina a Babbo Natale di Emanuele Bonati)  dove si parla di chilometro zero, di buono pulito e giusto, di voglia di chiarimenti sulle cattive pratiche alimentari e ora...

Caro Babbo Natale,
Mi piacerebbe che il coro di commenti
che accompagnano le nuove aperture,
(un’altra pizzeria? Ma come, un’hamburgeria
anche qui?) non fossero sempre
e solo dubbiosi e disfattisti (ci sarà
sotto la mafia, sì ma la vera pizza si
mangia solo a Napoli, tanto durerà poco),
e soprattutto mi piacerebbe che
quelli che si lamentano del nuovo facessero qualcosa di
più per salvare il vecchio: quanti ristoranti pub bistrot e
così via hanno chiuso in questi ultimi anni – e non sempre
per far posto a pizzerie e hamburgerie?

Caro Babbo Natale,
Mi piacerebbe essere informato in anticipo
sui nuovi trend dell’anno che
verrà – si userà ancora la fava tonka?
Grattugiata, spezzettata, frullata? L’avocado,
poi: manca solo nel risotto,
che dici, ci proveranno? Smetteranno
di riempire tutto il piatto, sempre più
grande, dalla superficie sempre più
convoluta e accidentata, di spennellate, briciole, frammenti,
gocce, dripping, spolverii? Che, oltre a essere
di difficile fruizione, contribuiscono non poco al bilancio
dello spreco alimentare? Si porterà ancora il tè matcha
– anche perché non ho ancora capito se mi piace o no?
Ma soprattutto: che cos’è il kale?

Caro Babbo Natale,
Mi piacerebbe che questo 2016 finisse
alla svelta – puoi? Che si portasse
via la crisi, le saracinesche abbassate,
i terremoti e le alluvioni. E i lutti,
che mai come quest’anno, mi sembra,
hanno infierito, a parte i grandi
personaggi, Fo, Eco, Cohen…, se ne
sono andati anche in molti del nostro
piccolo mondo dell’enogastronomia: e
se ricordiamo con affetto e rimpianto,
per esempio, Giacomo Tachis, l’uomo
che inventò il Sassicaia, giunto
al termine del suo cammino, come si
dice, dopo una vita lunga e operosa,
qui da Milano non possiamo non ricordare
con sgomento la scomparsa
di persone relativamente giovani,
come Davide Oltolini, giornalista,
critico, personaggio tv, esperto di
analisi sensoriale – e amico – e Massimo
Grazioli, eccelso panificatore, o
giovanissime, come Angelica Fiorebianco,
giornalista, e Matteo Mevio,
pizzaiolo già bravo e probabilmente
destinato a migliorare ancora. Anzi,
no: il suo destino, il loro destino, è
risultato essere un altro.


Seguite Emanuele Bonati anche
su Blogvs.com e su Cibvs.com

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.