cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

A Russiz superiore la collina si fa arte

Installazione site specific di Johann WillsbergerInstallazione site specific di Johann Willsberger

Era il 1977 quando Johann Willsberger, artista poliedrico, grande innovatore nella comunicazione visiva, giunse la prima volta a Russiz Superiore, spinto dalla passione per i vini del Collio. Fu d’altra parte il fondatore di “Gourmet – Rivista internazionale per l’enogastronomia”, una delle pubblicazioni mondiali di settore più influenti e rivoluzionarie. Qualche settimana fa Willsberger è tornato ancora nel cuore del Collio, accolto da un pubblico attento e selezionato, in una serata magica a cui abbiamo avuto l’onore di partecipare. Era in programma l’inaugurazione
di una scultura che l’artista ha ideato per Russiz Superiore. Riproduce in forma stilizzata e lineare il simbolo emblematico di questa terra: la collina. È composta da una sezione orizzontale verde che rispecchia i vigneti e da un basamento nero a testimoniare una terra sicura e ben salda. “Una collina dolcemente definita ed elegante, ha spiegato Johann, proprio come i vini che qui si producono. E inoltre, ha soggiunto, proiettarsi verso il futuro dell’enologia vuol dire rispettare e salvaguardare la propria terra. Per questo dobbiamo pensare green”. 

Abbiamo inserito anche una foto forse poco artistica ma molto significativa per noi, con il qb (numero di maggio) adagiato sulla base della scultura, pienamente consapevoli che la nostra attività editoriale che prosegue senza interruzioni e sempre con la stessa squadra da dieci anni ha il valore di un'opera di alto artigianato, come ci viene testimoniato dall'apprezzamento dei nostri lettori. 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni