cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

A Gorizia la mostra Guerra e moda-L'alba della donna moderna

Corsetti, tute da lavoro, uniformi e abiti da sera raccontano la trasformazione dell’immagine femminile con la Grande Guerra. La mostra “Guerra e Moda – L’alba della donna moderna” organizzata dai Musei Provinciali di Gorizia, verrà inaugurata
mercoledì 29 giugno 2016 ore 18.00, nella Sala Conferenze dei Musei Provinciali di Gorizia, Borgo Castello 13, Gorizia. La mostra, che è è stata realizzata grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Gorizia e con la collaborazione della Kunstbibliothek - Staatliche Museen zu Berlin, resterà aperta dal 30 giugno al 4 dicembre 2016 e ripercorre il viaggio della moda in un periodo compreso tra gli anni 1905 e 1925 circa, narrando una trasformazione che in silenzio scardina un ordine precostituito. Ciò che consideriamo effimero si fa sostanziale; lo stile e l’abbigliamento si muovono sul filo della storia.

Contadine e operaie, postine e bigliettaie, capiufficio e capireparto, ristoratrici, maestre e crocerossine, imprenditrici: in questi anni la rivoluzione estetica della prima guerra diventa una chiave importante per svelare con l’immediatezza del dato visivo il cambiamento rapido e irreversibile della figura femminile nella società occidentale del primo Novecento. Una moda che rispose a un cambiamento della società e non più semplicemente dello stile. Nata dalla necessità e dalla contingenza, da allora in poi sarà sempre più figlia di una scelta e non della costrizione, dando vita a una nuova consapevolezza delle proprie capacità e della propria indipendenza.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.