cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Ultimi giorni per ammirare Metlicovitz a Trieste

Ultimi giorni per ammirare Leopoldo Metlicovitz al Revoltella e al Civico Teatrale Carlo Schmidl, nell’importante mostra che il Comune di Trieste ha volto dedicare al grande cartellonista nella ricorrenza dei 150 dalla nascita del grande cartellonista. L’esposizione chiuderà i battenti il 17 marzo 2019. “L’omaggio triestino a Metlicovitz, evidenzia Laura Carlini Fanfogna, direttore dei Civici Musei Triestini e coordinatrice con Marta Mazza della mostra curata da Roberto Curci, è stato molto apprezzato sia dai triestini che dalla critica. Alla mostra sono stati riservati rilevanti servizi sui media nazionali, oltre che regionali. Mostra e catalogo penso abbiano reso un necessario omaggio alla oggettiva grandezza di questo nostro artista. Che, anche da Milano, dove ha sviluppato gran parte della sua carriera, si è sempre tenuto molto vicino a Trieste, città che è sempre stata un suo prioritario riferimento”.

Nella grande monografica triestina rivive l'intero arco della produzione dell'artista. Le opere esposte, 73 manifesti (alcuni di dimensioni “giganti”), tre dipinti e una ricca selezione di "grafica minore" (cartoline, copertine di riviste, spartiti musicali ecc.), sono state organizzate in otto sezioni espositive, sette delle quali ospitate presso il Civico Museo Revoltella e una – la sezione dedicata ai manifesti teatrali per opere e operette – nella Sala Attilio Selva al pianterreno di Palazzo Gopcevich, sede del Civico Museo Teatrale "Carlo Schmidl". Le opere esposte al Revoltella e allo Schmidl provengono per la gran parte dal Museo Nazionale Collezione Salce di Treviso (68 manifesti), oltre che dalle collezioni civiche (Civico Museo Revoltella e Civico Museo Teatrale "Carlo Schmidl") e da raccolte private. “La produzione cartellonistica di Metlicovitz, così come quella dell'amico Dudovich, fu – sottolinea Roberto Curci – particolarmente intensa negli anni precedenti la Grande Guerra, con la creazione di autentici capolavori rimasti a lungo nella memoria visiva degli italiani e a tutt'oggi largamente citati e riprodotti in ogni studio sull'evoluzione del messaggio pubblicitario del Novecento. A questo eccellente artista, caratterialmente schivo ed estraneo ad ogni mondanità, alle prove – affascinanti per verve ed eleganza stilistica – da lui devolute sia a realtà commerciali come i popolari Grandi Magazzini napoletani dei Fratelli Mele sia all'universo musicale e teatrale, spiritualmente a lui congeniale (conoscente di Verdi, fu amico soprattutto di Puccini), è dedicata questa mostra che si propone di rappresentare il "tutto Metlicovitz”, straordinario cartellonista, certo, ma anche eccellente pittore ed efficace grafico e illustratore”.


Biglietteria/Informazioni
040 675 4350 - www.museorevoltella.it

040 675 4039 - www.museoschmidl.it

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni