cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Tasterplace palestra per l'olfatto

«Quando ci siamo avvicinati al mondo della degustazione per la prima volta, come semplici amatori, ne siamo rimasti affascinati, ma anche un po’ confusi: mentre il sommelier elencava i profumi del vino (rosa, peperone verde, liquirizia, fiore d’acacia…) noi riuscivamo solo a dire se il vino era di nostro gradimento o meno», raccontano gli ideatori di TasterPlace. «Per noi, l’olio extravergine di oliva aveva un buon profumo di olio, ma non riuscivamo a riconoscere i sentori di carciofo o di mela. Con il tempo abbiamo capito che l’olfatto può essere allenato a riconoscere i diversi aromi e, acquisendo questa capacità, diventa più facile apprezzare i cibi di qualità e capire quali ci piacciono di più. Questo ci ha aperto un mondo che ci ha insegnato a scegliere e abbinare i diversi cibi: TasterPlace nasce per sviluppare queste capacità in modo facile e divertente». Gli odori sono la prima cosa che percepiamo quando entriamo in contatto con cibi e bevande; gli aromi che si sprigionano in bocca, e che vengono percepiti per via retronasale, contribuiscono a costruire quello che comunemente chiamiamo il sapore. Eppure l’olfatto è il senso che solitamente alleniamo di meno: sebbene il nostro naso sia in grado di riconoscere diverse migliaia di odori, ci sono studi che dimostrano come, annusando i profumi alla cieca, solo una persona su quattro è in grado di riconoscere il profumo di una mela!

La collezione è nata a partire dagli aromi di alcuni prodotti di base: l’olio extravergine di oliva, il cioccolato, il vino rosso, il vino bianco. Ogni confezione è dedicata a un prodotto specifico. Per esempio, “Aromi dell’olio extravergine di oliva” contiene 12 campioni olfattivi e una pubblicazione sintetica ma esaustiva sulle tecniche di degustazione dell’olio e sulle modalità con cui allenare la memoria olfattiva. I campioni olfattivi riproducono 9 aromi che si possono trovare in oli extravergini di alta qualità e 3 difetti che rendono l’olio d’oliva non idoneo per la categoria “Extravergine”. Gli aromi sono: pompelmo (agrumi), mela, banana, foglia di pomodoro, carciofo, erba verde,
foglia di alloro (erbe aromatiche), mandorla, mora (frutti rossi), difetto muffa, difetto rancido, difetto morchia. I campioni olfattivi di AROMI sono di intensità elevata per aiutare a memorizzare più facilmente i diversi sentori. Una volta memorizzato il singolo sentore, diventa più facile riconoscerlo, anche se molto più tenue, all’interno del bouquet di aromi che compongono un cibo o una bevanda. I cofanetti AROMI sono acquistabili direttamente dal sito 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni