cibo, vino e quantobasta per essere felici

Zari Percussion duo a Spilimbergo

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1


Zari percussion duoZari percussion duoVenerdì 18 settembre 2015 alle 21 l'appuntamento è a Palazzo Tadea (via Sottocastello) dove si esibirà il pluripremiato Zari Percussion Duo, composto da Alex Kuret e Denis Zupin, entrambi allievi della classe di percussioni di Fabián Pérez Tedesco. I due musicisti iniziano a suonare insieme per puro divertimento, ma non senza l’intenzione di esplorare repertori alternativi e poco diffusi. Si distingue infatti oggi come una delle formazioni di nuova generazione più attive nel panorama delle percussioni in Italia.

Durate la serata, realizzata in collaborazione con il Conservatorio di Musica "G. Tartini" di Trieste e con Piano FVG, nell'ambito del progetto MUSÆ finanziato dalla Provincia di Pordenone, saranno proposte musiche di compositori e percussionisti contemporanei, sia italiani che stranieri: S. Ottomano, T. Golinski, A.  Dorman, E. Sejournè, N. Martynciow, A.  Morag, R. Marino.

Prima del concerto alle ore 20 (ritrovo al Castello) visita al Castello, a Piazza Duomo e al cinquecentesco Palazzo Tadea.

Il Festival “Nei Suoni dei Luoghi” è organizzato dall'Associazione Progetto Musica con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, la sponsorizzazione delle BCC del Fvg e il sostegno della Fondazione CRUP, della Fondazione CARIGO, della Provincia di Gorizia e dei Comuni partecipanti.


Prossimo appuntamento di Nei suoni dei luoghi: venerdì 9 ottobre ore 20.30, a Udine con il Trio di Parma che si esibirà nel salone del Parlamento del Castello del capoluogo friulano. Sono aperte le prenotazioni

Info: Associazione Progetto Musica facebook.com/festivalneisuonideiluoghi - T. 0432 532330 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Stampa questo articolo

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.