cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Viaggio nella musica italiana a Staranzano

MERCOLEDĺ 27 AGOSTO alle  21 a STARANZANO (GO) “Tu mi fai girar”: all'Azienda Agricola “La Ferula” il viaggio nella Canzone italiana della Cem Live Orchestra. Capita spesso di poter ricostruire più facilmente le vicende di un’epoca attraverso il ritornello di un brano musicale. Momenti in cui la musica è musica e le parole compongono una canzone di quelle che non si possono dimenticare.
Questo è quello che propone lo spettacolo “Tu mi fai girar…Viaggio nella Canzone italiana” della Cem Live Orchestra per  la 16.a edizione del Festival Musicale Internazionale "Nei Suoni dei Luoghi" organizzato dall'Associazione Progetto Musica con il contributo della Regione Fvg. In caso di maltempo il concerto sarà spostato al Teatro Pio X (via Edmondo De Amicis, 10).
L'appuntamento, con ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili, vede la collaborazione del Comune di Staranzano, del Comitato promotore della ultracentenaria Sagra de le Raze e dell’Istituto regionale Rittmeyer per i Ciechi e l'Auser della provincia di Gorizia, che consentiranno la partecipazione all'evento di persone cieche, ipovedenti e di anziani con particolari problemi di mobilità e di vista.
Dodici elementi - Rudy Fantin (pianoforte, arrangiamenti e direzione artistica), Alessandro Turchet (contrabbasso e basso elettrico), Alessandro Mansutti (batteria), Denis Biason (chitarra elettrica), Giovanni Molaro (tastiera), Nicola Mansutti e Valentina Russo (violini), Lucia Zazzero (viola), Andrea Musto (violoncello), Francesco Minutello (tromba), Alessio Roman (sax tenore), Francesco Palmino (sax contralto e baritono), Lorena Favot, Flavia Quass, Michela Grena (voci) – che proporranno un originalissimo viaggio di un’ora e mezza attraverso gli ultimi quarant’anni della musica italiana.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni