cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Tipicamente friulani nel mondo

“TIPICAMENTE FRIULANI NEL MONDO” HA APERTO L’INCONTRO ANNUALE DEI FRIULANI ALL’ESTERO. Successo di adesioni. Il dibattito della XIV Convention annuale è stato acceso e partecipato: hanno dato il loro contributo in Sala Cavana il presidente dell’Ente Friuli nel Mondo, Adriano Luci, accanto alla campionessa olimpica Gabriella Paruzzi; Loris Basso, Duca Loris II del Ducato dei Vini Friulani; Daniela Celledoni, responsabile marketing del Consorzio del Prosciutto di San Daniele; Antonio Zanardi Landi, presidente della Fondazione Aquileia; Monica Stellin, docente universitaria in Canada e gli imprenditori Andrea Girolami e Alessandro Liani. Una sala gremita nel Castello di Valvasone, omaggiata dalla calorosa accoglienza del sindaco di Valvasone-Arzene, Markus Maumair. L’assessore regionale Gianni Torrenti ha descritto la nuova funzione economica, politica e culturale che hanno i corregionali nel mondo. “Dobbiamo essere meno timidi e modesti – ha esordito la parlamentare Isabella De Monte - e molto più orgogliosi di quello che siamo e rappresentiamo. L’Europa vera è quella dei popoli”. Il presidente dell’Ente Friuli nel Mondo, Adriano Luci, ha sancito, con la presenza di Piergiorgio Zannese la collaborazione con l’Efasce con cui, domani, l’Ente condividerà parte del programma dell’incontro annuale. “Io sono per l’apertura – ha aggiunto Luci – non per la globalizzazione. Identità, cultura e appartenenza sono valori imprescindibili che l’Ente Friuli nel Mondo ha la fortuna di vedere specchiati nei suoi 160 Fogolârs sparsi nel mondo”. Tra i relatori più attesi la campionessa olimpica Gabriella Paruzzi: “Ho trascorso oltre metà della mia vita all’estero seguendo la mia passione, lo sport. Mi ricordo quando, al Fogolâr di Toronto, mi hanno riservato un’accoglienza favolosa. Era il 1990 e mi sono sentita a casa dall’altra parte dell’oceano, parlando in friulano-inglese e mangiando i cibi della mia terra”. A conclusione del convegno sono intervenuti gli altri relatori apportando le proprie esperienze e facendo un focus sulle potenzialità del Friuli,che possono essere amplificate dai friulani all’estero.

Sono stati annunciati due importanti ingressi nella compagine sociale: nell’ultima seduta il Consiglio direttivo, dopo avere aggiornato il regolamento di ammissione di nuovi soci, ha approvato infatti all’unanimità le richieste di adesione all’Ente di Unindustria Pordenone e Confartigianato Imprese Udine. Recentemente l’Ente Friuli nel Mondo ha anche sancito la nascita di un nuovo sodalizio in Argentina, il Fogolâr Furlan di San Francisco nella Provincia di Cordoba, di prossima apertura quello nell’isola di Malta.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni