cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Tartufo bianco di Muzzana

tartufo biancotartufo biancoFiera del tartufo bianco pregiato friulano. Alla scoperta di un raro tesoro della terra, il frutto dell’antica Foresta Lupanica. La novità 2014: il tartufo nero friulano in cucina e in tavola. Promozione a 360 gradi della cultura del prezioso tubero in Fvg il 22 e 23 novembre a Muzzana del Turgnano (Udine).Un prezioso tesoro nascosto della terra, il tartufo. Non solo quello Bianco Pregiato Friulano, ma, quest’anno, anche quello Nero Friulano. L’ormai tradizionale fiera “Trìfule in fieste” che si tiene a Muzzana del Turgnano, in provincia di Udine, dedica spazio quest’anno, infatti, a tutti i tartufi del Friuli Venezia Giulia. Nell’ottica di promuovere la “cultura del tartufo”, in tutti i sensi: conoscenza, raccolta, cucina, degustazione, abbinamenti, curiosità: il mondo del prezioso tubero a 360 gradi. Festa, quindi, come sempre, a Muzzana, sabato 22 e domenica 23 novembre, ma anche informazione e solidarietà. Pure per l’edizione 2014, nel pomeriggio di sabato, si terrà non a caso l’“asta del tartufo” il cui ricavato che sarà devoluto a scopi benefici.Si tratta di un evento, organizzato dall’associazione “Mat”, la Muzzana Amatori Tartufi che come ha come simbolo il cane da tartufo, in grado di stuzzicare e appagare il palato dei turisti-gourmet, ma anche di richiamare i curiosi di cucina, natura ed eccellenze della tavola. Per la fiera 2014, infatti, saranno aperti il ristorante del tartufo, in piazza, al coperto, con 200 posti a sedere in ambienti riscaldati e curati in ogni dettaglio, e il ristorante friulano, con tante specialità gastronomiche di diverse aree della generosa terra del Friuli Venezia Giulia in abbinamento coi migliori vini del Fvg. Sarà allestita poi la mostra mercato, lungo le vie del paese, con tanti stand da scoprire. Una quarantina gli espositori, provenienti anche da fuori regione, che daranno modo ai visitatori di assaggiare e conoscere da vicino delizie di ogni genere: birra artigianale, salumi, formaggio, miele, composte e marmellate ma anche artigianato locale. A rappresentare il Friuli Venezia Giulia le specialità della Carnia, della Bassa Friulana, del Medio Friuli - presente pure con la celebre “Blave di Mortean” -, delle Valli del Natisone e non solo. I ristoranti restano aperti sabato e domenica a pranzo e a cena; non è necessaria la prenotazione ma per informazioni si può chiamare comunque il numero + 39 338 9323907.

 

 

 

La raccolta

Il Tartufo bianco pregiato friulano di Muzzana, leccornia rara e capace di appagare anche i palati più raffinati, viene raccolto un paio di settimane prima della fiera nel bosco planiziale del centro nella Bassa Friulana. Non si tratta di una distesa di alberi comune, ma di un vero “relitto” dell’era glaciale, sopravvissuto alle bonifiche regionali del secolo scorso. A conferma dell’assoluta eccellenza di questo tubero fuori dal comune, c’è la certificazione forestale sostenibile che fa del tartufo bianco muzzanese un vero “unicum”.

 

I nuovi piatti col tartufo nero friulano

“Trìfule in fieste” è un appuntamento a ingresso libero; consentirà a tutti di gustare questo straordinario frutto della terra, grazie a diversi piatti in abbinamento ai migliori vini del Friuli Venezia Giulia; tra le novità di quest’anno, nel menù del ristorante del tartufo ci saranno il carpaccio di branzino di valle e la tartare di pezzata rossa, entrambe servite con una salsa calda al tartufo nero fresco friulano. Il risultato finale sarà straordinario: permetterà ai partecipanti di apprezzare lo spiccato profumo e il gustoso sapore del tartufo locale e anche di quello nero. A ulteriore garanzia di una manifestazione di altissima qualità, si esibiranno ai fornelli rinomati chef.

 

Gli eventi a corollario

La fiera è sostenuta dalla Banca di Credito Cooperativo della Bassa Friulana col prezioso aiuto di altri partner pubblici e privati. L’inaugurazione ufficiale è prevista alle ore 11 di sabato 22 novembre. Tante, nel pomeriggio dello stesso giorno e presso la Sala Parrocchiale, anche le manifestazioni a corollario: alle 15.30 convegno “Il Tartufo dalla terra alla tavola” con Virgilio Vezzola, presidente dell’Associazione Tartufai bresciani; segue, alle 17, l’“asta dei tartufi” con un successivo momento conviviale.

 

Domenica si parte alle 9 con la visita guidata al bosco “Selva di Arvonchi”, per proseguire con la giornata di festa, nel contesto della quale è prevista anche l’animazione per bambini, rendendo l’appuntamento a misura di tutta la famiglia. Aprirà già il 20 novembre, invece, la mostra del libro allestita presso “Villa Muciana” di Muzzana del Turgnano, a cura del Comune, in collaborazione con lo sportello friulano e il gruppo giovanile “La Stanzute”. Sabato saranno presenti i volontari dell’ora del racconto e, a seguire, il laboratorio di letture per bambini a cura di Luisa Pestrin con al presentazione dei minilibri scritti dai bambini.

 

L’arte e al storia del tartufo: esperti sempre a disposizione

Per l’intera durata della fiera gli esperti tartufai saranno a disposizione per spiegare l’arte della raccolta e la storia del pregiato tubero bianco friulano. Chi vuole scoprire questo affascinate, raro prodotto della gastronomia e cultura di casa nostra, potrà trovare a Muzzana quanto cerca.

 

 

 

 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Gli articoli più letti degli ultimi sette giorni:
(questa finestra si chiuderà automaticamente entro 10 secondi)