cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Scoprire il Pordenone a Pordenone

Un’intera giornata per scoprire o ritrovare i tesori artistici della città di Pordenone e del suo territorio: a cominciare da una gloria tutta cittadina, il pittore rinascimentale Antonio de’ Sacchis, in arte appunto “Il Pordenone”. E’ questo il focus del programma di sabato 14 novembre 2015, a cura del Centro Culturale Casa Zanussi di Pordenone.

Una guida d’eccezione, il critico d’arte Giancarlo Pauletto, accompagnerà i visitatori nel percorso, che si aprirà alle 9.30 da via Concordia 7 verso la Chiesa San Ulderico a Villanova di Pordenone: documentata già nel XIII secolo, divenne parrocchia nel 1542. Proprio il Pordenone nel 1514 dipinse ad affresco le pareti ed il soffitto del coro della Chiesa, utilizzando una gamma cromatica chiara e luminosa e operando con estrema libertà nella realizzazione pittorica. Il linguaggio appare subito sintetico ed essenziale, capace di creare immagini di grande suggestione ed incisività. San Geremia è sicuramente la figura più originale del ciclo: imperiosa nel gesto e vigorosa nella semplicità della realizzazione cromatica, affidata a sole tre tinte: l’ocra rossa, il bianco e la terra di Siena. Gli affreschi furono riportati all’antica bellezza nel corso del restauro avvenuto dopo il terremoto del 1976.

Il viaggio proseguirà verso la Chiesa dei SS. Ruperto e Leonardo a Vallenoncello: l’edificio fu dedicato nel 1056 da Enrico III di Stiria a un santo tedesco pressoché sconosciuto in Italia, S. Ruperto appunto, vissuto al tempo del re dei Franchi Ildeberto, evangelizzatore della Baviera e confondatore della città di Salisburgo. Ulteriore tappa a fine mattinata verso la Chiesa dei SS. Ilario e Taziano Torre di Pordenone: l’edificio attuale raccoglie l’eredità dell’antica pieve, e fu costruito negli ultimi decenni del 1800 su progetto di Damiano Roviglio di Pordenone, in stile neoclassico.

A metà giornata l’escursione prevede un rinfresco con i sapori del territorio all’ Osteria Borgo Antico di Cordenons e alle 14.30 la visita al Duomo Concattedrale San Marco con un suggestivo concerto affidato all’organista Elisabeth Zawadke della Hochschule Musik Lucerna su musiche di Girolamo Frescobaldi, Joseph Haydn, Giles Farnaby, Martin Peerson, William Byrd.

Il Duomo offrirà un’ulteriore occasione per scoprire tracce del Pordenone: il San Rocco ne è autentico capolavoro. Vi si riconosce per tradizione l’autoritratto dell’artista; anche il Sant’Erasmo e l’affresco raffigurante la Madonna con il Bambino (1506) sono opera del Pordenone. Tappa conclusiva alle 16.00 al Museo Civico Ricchieri, dove si potranno ammirare le favolose historie affrescate, splendide testimonianze tardo-gotiche nei soffitti lignei, una tradizione che accompagna molti Paesi europei dal Medioevo al Rinascimento.

Info e prenotazioni presso la segreteria del Centro Culturale Casa A. Zanussi in via Concordia 7 a Pordenone, tel.0434 365387 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni