cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

è bello ed è gratis

Sayōnara Trieste

Nel settembre del 1907 Trieste fu palcoscenico di un avvenimento eccezionale che riempì le cronache dei giornali locali dell’epoca: l’arrivo di una delegazione giapponese a bordo di due incrociatori con più di 1.300 marinai. Trieste era all’apice del suo splendore, anche grazie all’apertura delle rotte con l’oriente da parte del Lloyd Austriaco. La missione diplomatica giapponese si inseriva in un più ampio quadro di avvio di relazioni con l’occidente voluto in quegli anni dal governo Meiji.  Lo spettacolo, liberamente ispirato ai fatti storici, narra l’incontro tra la delegazione giapponese e la città di Trieste.

Furono dieci giorni di ricevimenti e festeggiamenti in cui la città dimostrò la grande curiosità di scoprire una nuova cultura. A questo evento è dedicato la spettacolo Sayōnara Trieste - ricerca storica e testi di Giovanna Coen - che racconta la storia attraverso  i punti di vista in cui si muovono Georg von Hütterott e sua moglie Marie, tra i principali fautori di questo avvenimento, esponenti di spicco di quella nobile borghesia che, grazie alla lungimiranza e all’intraprendenza fecero grande Trieste. Georg e Marie erano stati in Giappone tra il 1884 e il 1885 e ne erano rinasti affascinati tanto da volere ricreare un loro "Giappone privato" a Rovigno. Non mancano nello spettacolo le vosi del viceammiraglio della flotta imperiale e quelle della gente di Trieste, piene di spirito. La musica suonata dal vivo accompganerà l'affresco di una visita con il magico incontro fra oriente e occidente. 

Appuntamento il 5 settembre alle 20 all'Auditorium Marco Sofianopulo del Museo Revoltella via Diaz 27 Trieste. INGRESSO LIBERO.

Lo spettacolo è stato realizzato da: YŪDANSHA KYŌKAI IWAMA AIKIDŌ TRIESTE- Associazione Culturale TEATROBANDUS - Associazione Internazionale dell'OPERETTA 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.