cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Piemonte Grandi Vini

Si  è conclusa lunedi 23 Ottobre la prima edizione della Manifestazione “Piemonte Grandi Vini”. Svoltasi in una due giorni, nella meravigliosa Villa Miani, a Roma, dove il  fiato si blocca davanti all’ incantevole panorama della

Roma giacente ai miei piedi... Ci si affaccia su uno scorcio di Roma Antica Colosseo, Castel Santagelo, Altare della PAtria e la maestosa San Pietro. Due giorni  di full immersion con le aziende, i loro prodotti e i oro  volti.. Evento organizzato dal Consorzio “Piemonte Land of Perfection”. Il Consorzio nasce nel 2011, con lo scopo di far conoscere quello che è il prodotto piemontese per eccellenza: il vino. La regione Piemonte, infatti, è celebre anche per questo suo “tesoro” vantando 45.000 ettari di vigneto, dalle colline di Langa, Roero e Monferrato, nelle aree del Tortonese e del Monregalese, fino alle fasce alpine, con un totale di 20.000 aziende vitivinicole e tre milioni di ettolitri di vino prodotti annualmente che danno origine a 16 vini DOCG e 41 DOC.

 

Piemonte Grandi Vini e’  nato quindi dall’esigenza di creare un evento dedicato alla conoscenza dei vini di questa Terra, attraverso degustazioni e approfondimenti con esperti.

In degustazione le etichette di una cinquantina di aziende vinicole che portano  a Roma i loro  vini ma anche la loro cultura di un territorio dove ogni giorno, da secoli, uomini  e donne con il loro lavoro  rinnovano  il profondo legame con la loro terra e la vite. I  loro Volti  hanno  raccontato  il  loro vino, nei loro  bicchieri  si  ritrovano  le loro  storie e le loro  fatiche. Il vino in Piemonte è simbolo di una forte identità storica e culturale, anche se ogni  territorio rivendica una sua ben  precisa individualità, esaltata dai  vitigni autoctoni e da un’instancabile ricerca della qualità.


I  loro Volti  hanno  raccontato il loro vino, nei loro  bicchieri  si  ritrovano le loro storie e le loro fatiche. Il vino in Piemonte è simbolo di una forte identità storica e culturale, anche se ogni  territorio rivendica una sua ben precisa individualità, esaltata dai vitigni autoctoni e da un’instancabile ricerca della qualità.

                                    

Marenco Viticoltori in Strevi è un nome che parla di vigne e di colline, di vino e di qualità e aggiungo io di grandi Donne! I vini Marenco interpretano il territorio dell'Alto Monferrato le colline sui quali all'inizio del 900 l'azienda è nata e cresciuta, giorno dopo giorno grazie ai sogni e al duro lavoro. Nella Foto Michela Marenco delegata Piemonte Donne del Vino.

 
Colombo Cascina Pastori L'azienda produce vini di carattere, capaci di distinguersi, anche nella scelta di valorizzare in purezza il pinot nero. Succede a Bubbio, piccolo Borgo immerso nel cuore della Langa Astigiana. Dietro un vino il volto di chi lo produce Andrea Colombo con Monferrato Rosso Apertura 2009 100 % pinot nero, Fermentazione in acciaio e maturazione in botte, ulteriore riposo in bottiglia dona estrema finezza ed equilibrio, ed un accattivante intensità. Provata anche l'annata 2007 che mi ha regalato un sorriso. Intrigante, morbido, ed elegante.

                                                              

L'azienda Bera situata nelle Langhe tra Alba e Asti. Secolare è la tradizione viticola della Famiglia Bera Brut Metodo Classico Alta Langa DOC 2006... Dietro un vino i volti di chi lo ha reso ottimo Umberto Bera giovanissimo enologo laureato all'univesità di Alba prosegue la tradizione enologica famigliare. Sorpresa nel bicchiere Ottimo metodo classico. 48 mesi sui lieviti 70%chardonnay, 30%pinot noir. Profumo complesso, elegante, lunghissima persistenza, sapido, il suo perlage finissimo e persistente rallegra il bicchiere.

                                 

La cantina Dezzani è a Cocconato D'asti, la "Riviera del Monferrato" a 491 metri dal livello del mare. Spumante Rosè 531 100% uve nebbiolo, provenienti dal vigneto di nebbiolo piu' alto del Monferrato: 531 metri sul livello del mare. Le uve raccolte selezioante nel mese di settembre, pressate e utilizzato il cosiddetto "fiore". corrispondente al 40% dell'intera partita. Fermentazione con lieviti indigeni in autoclave. Il volto di questo vino Luigi Dezzani.

                       

Amalia Cascina in langa nata nel 2003 Luigi Antonio Boffa (Ligure) con la moglie Angela (Piemontese) ed il figlio Paolo recuperano una cascina anni 20 ,situata nel comune di Monforte D'alba. Il risultato è una cantina modernissima ed un B&B con sei camere. Paolo Boffa si occupa dei vigneti e della cantina, la produzione si richiama principalmente alla tradizione di Langa.
nella foto Luigi Antonio Boffa.

        

L'azienda Renato Ratti Primo a vinificare un Barolo proveniente da singolo vigneto (Barolo Marcenasco 1965) e a realizzare la mappa delle piu' importanti vigne storiche (Carta del Barolo 1976) Renato Ratti è considerato il grande innovatore del Barolo. La sua sofisticata filosofia di vinificazione e ricerca di alta qualità prosegue oggi grazie alla passione e all'impegno del figlio Pietro.

Piemonte  terra delle grandi  DOCG : Asti  spumante e Moscato d’Asti  "l’oro  delle colline” 10 mila ettari nelle provincie di Asti, Alessandria e Cuneo.  Brachetto D’Acqui, vino rosso  aromatico dal profumo  di  Rosa, sono  mille gli  ettari nei  26 comuni della Docg, Barbera D’Asti, coniugata al  femminile secondo  gli usi  locali e conosciuta come la “rossa” Piemontese, si produce tra Asti  ed Alessandria,  Ruche’  di Castagnole Monferrato, dall’uva nasce un vino  dal profumo unico dove prevalgono note floreali e speziate,si  coltiva nei  103 ettari di  sette comuni  del  Monferrato Astigiano, Barolo vino  ottenuto  al  100% da uva nebbiolo i vigneti  crescono  in 1906 ettari  e undici  comuni nel cuore della langa. Il periodo  di  invecchiamento  va da un minimo di  38  mesi  ai  5 anni  del  Barolo Riserva. Barbaresco sono  4 i  comuni  della Docg  che sfiora Alba con i  filari di  San Rocco Seno d’Elvio in tutto  680  ettari coltivati a nebbiolo. Esce dalla Cantina dopo  26  mesi (50 per la Riserva). Roero e’ il territorio dei  venti  comuni sulle sponde del  Tanaro, dove si  producono  un rosso(Roero docg ) e un bianco (Roero  Arneis, anche nelle versione spumante). Dogliani nata nel  2005 e ampliata nel  2011, la docg raggruppa 21 comuni dove da secoli  si  coltiva l’uva dolcetto. Sono  poco più  di  mille ettari. Gavi Docg bianca ed elegante da 100% uva Cortese che nasce nel  punto del Piemonte più vicino  alla Liguria.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni