cibo, vino e quantobasta per essere felici

Pace alla guerra

0 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Pace alla guerra. Reportage virtuale storico-musicale in sei episodi. Note di vita bellica in Carnia 1916-1917 va in scena con sei spettacoli, con il debutto del 25 aprile "017 e continua fino a sabato 1 luglio in diversi paesi e città tra Carnia e Friuli. Sei performance tra storia, teatro e musica che inventano  delle bizzarre interviste impossibili in forma teatrale con accompagnamento musicale dal vivo. Il secondo appuntamento è atteso per lunedì 1 maggio alle ore 16 a Timau di Paluzza nella Sala Parrocchiale San Pio X. L’amica di Maria. Dialogo rigenerante storico-musicale sul mito di Maria Plozner & delle Portatrici Carniche (questo il titolo dello spettacolo). Un gruppo di donne che tra il 1915 ed il 1917 con abnegazione e disciplina giornalmente s’inerpicavano dal fondovalle con le loro gerle, facendosi carico di quei rifornimenti necessari agli uomini che stavano tenendo tenacemente saldo il fronte bellico sul crinale delle Alpi.
I bizzarri intervistatori sono Adriano Giraldi in Guerrino Pacifici e Maurizio Zacchigna in Miro Vojnovich; Roberta Colacino è Rosalia Schiratti Barachino (voce attraverso la quale si ricostruisce da una nuova angolazione la figura della Plozner). Il Gruppo Strumentale Lumen Harmonicum tiene viva la parte musicale (Mauro Verona - corno, Marco Favento - violino, Massimo Favento - violoncello, Denis Zupin - percussioni).

Proprio Rosalia Schiratti Barachino, una maestra elementare del primo dopoguerra, è oggetto della nuova intervista impossibile: colei che forse per prima ha creato il mito di Maria Plozner Mentil.  La cura di Pace alla guerra (l'idea, i contenuti testuali e musicali, la supervisione) è di Massimo Favento; la regia teatrale è dell'Associazione Mamarogi e le illustrazioni - prodotte ad hoc sui personaggi delle storie, sono di Mauro Zavagno. Pace alla Guerra è un progetto di Lumen Harmonicum ed è un'anteprima della storica rassegna Carniarmonie.


Copyright © 2009-2020 QUBI' Editore
Riproduzione riservata

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.