cibo, vino e quantobasta per essere felici

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Orcolat, spettacolo teatrale per il 40° anniversario del terremoto in Friuli

Anche la Pro Casarsa della Delizia ricorda il 40esimo anniversario dal terremoto che sconvolse il Friuli nel 1976. Lo farà con lo spettacolo Orcolat, a ingresso gratuito, messo in scena dalla compagnia Anà-Thema di Udine e inserito nella rassegna “Teatro – luogo del pensiero” organizzata con la Par San Zuan insieme all’assessorato alla cultura della Città di Casarsa della Delizia e con il sostegno della Fondazione Crup. L’evento è in programma sabato 14 maggio 2016 alle 20.45 al teatro Pier Paolo Pasolini di Casarsa.

“Uno spettacolo che abbiamo voluto essere aperto a tutti, a ingresso gratuito – ha spiegato il presidente della Pro Casarsa Antonio Tesolin – proprio perché vogliamo ricordare ma soprattutto raccontare per non dimenticare quel 6 maggio 1976 quando la terra del Friuli tremò violentemente. Con questo spettacolo la Pro Casarsa celebra la forza e il coraggio dei friulani nella ricostruzione di case e paesi e fa un omaggio commosso e sentito alle vittime e alle loro famiglie”.

Lo spettacolo teatrale sarà un viaggio fra i ricordi, una rievocazione della tragedia che colpì tutti senza distinzione. Orcolàt (l’orco, come in lingua friulana è chiamato il terremoto); narra la storia di una donna, che il 6 maggio 1976 era una bambina e ha vissuto la drammatica esperienza del terremoto in Friuli. Ormai cresciuta ricorda e e racconta, tra attimi di flashback e narrazione, come la sua famiglia sia sopravvissuta e come abbia vissuto per ricostruire ricordi e affetti perduti. Atmosfere di grande intensità e di grande emozione, una scenografia semplice che ricorda i ruderi dopo il disastro e la storia impregnata di cruda realtà, narrata con semplicità e passione; sono questi gli elementi che compongono l’Orcolat. Interpreti Stefania Maffeis e Raffaella Giampaoli, regia Luca Ferri.

“Ricordiamo che è ancora attivo il concorso che tramite il voto popolare proclamerà il miglior spettacolo e i migliori attori. – ha aggiunto il presidente Tesolin – Anche dopo questo spettacolo il pubblico potrà esprimere il suo giudizio, attribuendo voti per le classifiche di “Miglior spettacolo, testo e regia ” e “Migliore attore/attrice”. I premi finali saranno realizzati in collaborazione con la rete dei Fogolars furlans, presso i quali si terranno repliche delle migliori produzioni”.
Per maggiori informazioni: 0434.871031 (lun / mer / ven dalle 15.30 alle 19.30).


 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni