cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Notte di Natale sotto la stella di Stolvizza

stella Stolvizzastella StolvizzaA Stolvizza di Resia grande attesa per il suggestivo appuntamento della notte di Natale quando una grande Stella di dimensioni straordinarie, metri 8,40 di lunghezza per metri 1,20 di larghezza, illuminata da una infinità di splendenti led, scenderà dal monte Pusti Gost quota 1.275 metri s.l.m. e si poserà nella parte più alta del Paese quota 575 metri s.l.m.. Uno spettacolo straordinario vissuto e apprezzato da migliaia e migliaia di persone in questi ultimi quattordici anni. Mercoledì 24 dicembre 2014 alle  21,45, la grande Stella comincerà la sua lenta discesa tra le note di una dolcissima colonna sonora musicale in un crescendo di sensazioni ed emozioni per tutto il suo tragitto. Dapprima un puntino luminoso in cima alla montagna, poi pian piano nel corso della discesa si incominceranno a delineare le forme, finché la Stella nella sua maestosa luminosità e grandezza si fermerà sopra il paese di Stolvizza.  Alle 22,30 Santa Messa di Natale nella Chiesa Parrocchiale di San Carlo celebrata da Don Gianluca Molinaro prima che, tra fiaccole e luci. Tutti si porteranno sotto la Stella dove, quasi per incanto, si accenderanno le luci su un caratteristico Presepe vivente animato da una cinquantina di personaggi, vivacizzato da caratteristici meccanismi e con significative letture. Terminata la rappresentazione, i visitatori ridiscenderanno la collina attraverso i suggestivi vicoli del secolare Borgo Kjchej dove potranno ammirare, nei punti più caratteristici, decine e decine di artistici e artigianali Presepi prima di partecipare a un bene augurante brindisi.
Tutto il programma sarà ripetuto venerdì 26 dicembre a partire dalle 16,30 con una iniziativa tutta dedicata ai bambini che al termine della rappresentazione saranno chiamati a una emozionante passeggiata nel cuore del Presepe fino ai piedi della Capanna e domenica 4 gennaio 2015 con l'arrivo dei Re Magi.
Per tutto il periodo natalizio fino a martedì 6 gennaio tutto il paese di Stolvizza sarà dunque uno straordinario Presepe naturale grazie alla grande Stella accesa, all’artistico Presepe a grandezza d’uomo, con sagome in legno finemente disegnate che rappresentano i personaggi natalizi, e ai tanti Presepi esposti lungo la via, trovando in  questo suggestivo andare per il paese, un concreto messaggio di pace e di serenità che solo il Natale sa trasmettere a tutte le persone di buona volontà. Martedì 6 gennaio chiusura dell'appuntamento natalizio di Stolvizza con l'arrivo della Befana che porterà dolci e carbone a tutti i bambini presenti.
Il progetto “Notte di Natale in Val Resia”, comprende anche altre due significative iniziative: sabato 27 dicembre alle ore 19,00, presso la sala del Consiglio del Comune di Resia, l'Associazione "ViviStolvizza" assegnerà il tradizionale premio “Stella d’argento della Val Resia” - 2014, mentre domenica 28 dicembre nella Chiesa Parrocchiale di Stolvizza si terrà il “Concerto di Natale” che ormai rappresenta, grazie anche alla sensibilità dell'Amministrazione Provinciale di Udine - Assessorato alla Cultura, un appuntamento imperdibile per tutta la Comunità di Stolvizza.
Info: Telefax 0433.53119 - Cellulare 360.960179 - e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni