cibo, vino e quantobasta per essere felici

Acquista la copia digitale!

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informazioni sui cookie

Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, ti informiamo che questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Attraverso i cookie possiamo personalizzare la tua esperienza utente e studiare come viene utilizzato il nostro sito web. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione

Cookie Policy

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

La Scacchiera di Leonardo

Un manoscritto sul gioco degli scacchi del matematico rinascimentale Luca Pacioli costituisce uno dei tesori più preziosi della Fondazione Coronini Cronberg. Dalla documentata amicizia del matematico con Leonardo da Vinci nasce  il progetto “La scacchiera di Leonardo” presentato al pubblico in tre incontri. Il primo martedì 7 maggio 2019 alle 18 nella sala di rappresentanza del Comune di Cormòns, a Monfalcone il 15 maggio alle 17.30 nella Sala conferenze della Biblioteca comunale di via Ceriani 10 e a Nova Gorica lunedì 20 maggio alle 18 nella sala conferenze del Castello di Kromberk in Grajska cesta 1. Il manoscritto sul gioco degli scacchi probabilmente arrivò nelle mani del conte Guglielmo Coronini prima del 1950 tramite la Libreria veneziana di proprietà del poeta e bibliofilo friulano Giuseppe Malattia della Vallata. Le quarantotto carte del Manoscritto Coronini, che contengono numerose dimostrazioni pratiche del gioco degli scacchi con le relative indicazioni per la soluzione, sono ottimamente conservate e le figure sono finemente disegnate e colorate in rosso e nero. L’argomento trattato, la filigrana di fine Quattrocento, la preziosità della copertina, il confronto con altre opere autografe, rendono l’identificazione pienamente convincente. Matematico tra i più insigni del suo tempo, Luca Pacioli nacque a Borgo Sansepolcro (Arezzo) intorno al 1445 e morì (forse a Venezia) nel 1517. Studiò teologia ed entrò nell’Ordine francescano nel 1470. Maestro di aritmetica commerciale e algebra, fu anche alla corte di Ludovico il Moro, dove strinse amicizia con Leonardo da Vinci. 

Per poter commentare l'articolo è necessaria la registrazione.

Se sei già registrato devi effettuare l'accesso.

Informazioni